Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Ligorna si prende il derby col Molassana e “spezza” la classifica risultati fotogallery

Biancoblù che vincono in dieci grazie a una magia di Teresa Fracas. Molassana che scivola a -6. Pareggio dell'Amicizia Lagaccio ad Alessandria e prima della pausa arrivano gli scontri diretti

Giornata importante nel campionato di Serie B femminile con le genovesi protagoniste fin qui di un un bel campionato. Giunti alla nona di andata, però la classifica si è spezzata. A fare da spartiacque, proprio lo scontro diretto fra Molassana Boero e Ligorna, distanti, alla viglia quattro lunghezze a favore delle biancoblù. La partita poteva segnare un’ulteriore avvicinamento delle pantere rossoazzurre oppure, com’è avvenuto, uno strappo.

Bella partita con il Molassana che inizia meglio con maggior possesso palla e un buon ritmo, a fronte di un Ligorna guardingo che non impensierisce la porta difesa da Delfino. D’altra parte neanche le pantere graffiano e allora il primo tempo va in archivio senza grosse emozioni. Cambia invece il copione nella riprese con subito una conclusione di Canepa che chiama all’intervento Cenname che para senza grossi patemi.

La risposta del Ligorna è immediata ed è Cafferata che penetra si ritrova a tu per tu con Delfino, ma Librandi recupera alla grande e salva il risultato. Al 63° la partita sembra mettersi bene per il Molassana perché Cenname in uscita disperata fuori dall’area di rigore atterra Canepa e viene espulsa. Invece di subire l’uomo in meno, però il Ligorna reagisce e all’80° Fracas, davvero la rivelazione delle genovesi fin qui, da oltre venti metri, lascia partire un gran sinistro che si infila sotto l’incrocio e diventa il gol partita. Finale nervoso poi con altre due espulse. Pozzo per le locali e Malatesta nelle biancoblù. Non cambia il risultato e le ligornesi si aggiudicano il derby che davvero spezza in due la classifica.

Già perché l’Amicizia Lagaccio che chiude il quintetto che guida il campionato, è a -5 dalla vetta e +6 proprio dal Molassana, prima delle “altre”. Per quanto ci sia la possibilità di rientrare con molte gare ancora da giocare. Le lagaccine non riescono a fare il colpaccio esterno ad Alessandria, impattando 0-0 e rimanendo dietro di un punto dalla coppia formata proprio dalle grigie e dal Ligorna. Verdiblù che comunque non giocano al meglio, e soprattutto non sfruttano una ripresa giocata quasi totalmente in 11 contro 10.

Non va a segno bomber Bargi, che trova una degna rivale nel portiere Noe che para tutto e anche di più. Nel complesso comunque anche mister Napoli si dice soddisfatto della prestazione delle sue ragazze: “La partita è stata complicata, noi puntavamo molto sulle avanzate degli esterni e sul buon funzionamento delle catene. – dichiara sul sito della squadra verdeblù – Comunque abbiamo contenuto bene le avversarie. Quando sono rimaste in dieci, abbiamo provato a vincere, ma devo dire che loro hanno messo ancora più mordente e credo che il pareggio sia giusto. Voglio sottolineare che anche oggi avevamo ben quattro 2000 in campo, complimenti alla società per come sta operando con le giovani”

Osservando la classifica, abbiamo già detto del “buco” fra quinta e sesta posizione. In testa comanda la Novese con il Ligorna a quattro punti e Lagaccio a cinque. Più lontano il Molassana che deve guardarsi dall’eventuale rientro di Lucchese e Oristano. Nel prossimo turno spicca la trasferta fondamentale e delicata del Ligorna a Novi Ligure, contro la capolista. Una vittoria genovese riaprirebbe tutti i discorsi, una sconfitta potrebbe decidere il campionato delle biancoblù. Anche il Molassana ha un’occasione importante. Si gioca infatti a Torino contro la Juventus, dietro 3 punti dalle rossoazzurre. Una vittoria potrebbe essere utile per staccare le inseguitrici, visto che la decima di campionato metterà di fronte proprio Lucca e Oristano. Altro incrocio Genova-Torino con il Lagaccio che attende le granata. Le genovesi contro la penultima in classifica hanno l’obbligo di tentare la vittoria, anche perché gli scontri incrociati sugli altri campi (oltre a Novese – Ligorna, si gioca anche Alessandria – Empoli) potrebbe far volare le Lagaccine fra le prime tre.