Quantcast
Gialloblù campioni d'inverno

La Burlando pareggia e le inseguitrici ci credonorisultati

Secondo pari in campionato per i gialloblù che rimangono saldamente al comando e sono campioni d'inverno. Dietro, però non molla nessuno: il Masone si avvicina a -4

Varie sport

Seconda categoria girone D, che arriva all’ultima giornata di andata, e dell’anno solare e regalano la suggestione di una corsa per il titolo ancora aperta a diverse squadre. Già perchè la Burlando impatta 1-1 nel “derby gialloblù” contro un’Atletico Quarto bravo a crederci fino all’ultimo, anche se il gol del pari è stato fonte di roventi polemiche da parte della dirigenza della Burlando.

Giornata importante comunque per la Burlando che ritrova Alessandro Savona, che torna al gol, anche se pur non per la vittoria, e si laurea campione d’inverno. All’85° arriva il pareggio del Quarto su un rigore francamente più che dubbio. Per  quanto visto in campo, il pari sarebbe anche il risultato giusto, certo che per la Burlando sono due punti persi che potrebbero pensare nel corso del campionato. Per il Quarto un passo verso la salvezza.

Il Masone non molla ed è secondo in classifica a quattro punti dalla vetta. Contro l’Anpi i valligiani danno prova di grandissima voglia di vincere. Infatti dopo il vantaggio di De Gregorio al 27° e il pareggio di Roveri al 40°, la ripresa si gioca quasi solo nella metà campo biancorossa e al 90° torna a segnare bomber Minetti, ispiratissimo la scorsa stagione, non al meglio fisicamente in questa, ma che può essere ancora decisivo per le sorti del Masone. Per l’Anpi un fine anno in cui lavorare per riprendersi in fretta e risalire la china.

Vola invece il Begato che è corsaro a Campo Ligure contro una squadra con ben quattro nuovi innesti che ha mostrato segnali positivi. Anche il Begato ha operato sul mercato invernale, e dopo soli 12’ Rattazzi prende il posto di Coppola, che deve uscire per infortunio. I nuovi arrivi comunque si devono rassegnare alla voglia di gol di Motisi. L’attaccante del Begato si scatena nel primo tempo. Due conclusioni favolose non lasciano scampo a Chericoni che si deve arrendere al 23° e al 36°.

Il Campo Ligure deve ancora registrare gli ingranaggi di un gruppo con tante facce nuove. A inizio ripresa Olivieri accorcia le distanze su calcio di rigore, ma un altro rigore al 63° permette al Begato di tornare a +2. Filippone non sbaglia dagli undici metri e fredda Chericoni. Tre minuti dopo è ancora Motisi che mostra le sue doti di calcio, calando il tris personale e portando il parziale sull’1-4. Al 94° Pastorino rende meno ampio il passivo, concludendo bene a rete e superando l’incolpevole Oliva. Finisce 2-4 e il Begato riprende la marcia all’inseguimento della promozione. Per il Campo Ligure, tanto lavoro da fare.

Bella partita fra Mariscotti e Bolzanetese, due squadre appaiate in classifica. I padroni di casa passano al 17° con Trebini e controllano la reazione avversaria per tutta la prima frazione di gara. Ci vuole una gran conclusione di Cosentino dal limite dell’area al 57° per rimettere in parità il parziale. Avogadro al 65° riporta in vantaggio il Mariscotti con una deviazione sotto misura su cross di Scalzi. All’80° poi si chiude la partita quando Bottaro trasforma un calcio di rigore e fissa il risultato sul 3-1.

Dopo una bella prestazione, domenica scorsa, la Sarissolese cede sul campo amico al Cà de Rissi. Succede tutto nella ripresa, perché il primo tempo è lento, molto fisico e certamente poco spettacolare. Al 48° la partita si sblocca grazie al rigore trasformato da Barbieri. Il momento è favorevole agli ospiti, che allora attaccano e tornano a segnare al 53° con Alex Moreno che si insacca il raddoppio.

All’86° Scaduto riapre virtualmente la partita su calcio di rigore, ma la retroguardia biancorossablù è attenta e conserva il risultato fino al triplice fischio. Cà de Rissi in corsa per un posto fra le grandi, Bolzanetese che non vince da tre partite.

In chiave salvezza spicca la vittoria della Rossiglionese che allunga a +5 sulla zona playout vincendo lo scontro diretto contro l’Olimpia. La partita inizia subito in discesa per i bianconeri che al 3° passano in vantaggio con Ferrando. Al 25° c’è gloria anche per il nuovo acquisto Sorbara che segna il raddoppio.

Nella ripresa non cambia la trama. Inizio lento fino alla rete di Carnovale che piazza la terza rete al 60°. Cinque minuti dopo, scorrono i titoli di coda sul match grazie ancora a Ferrando che cala il poker. Al 70° Zaffarano accorcia su calcio di rigore, ma è tutto inutile, e la Rossiglionese vince con una bella partita.

Chiude l’ultima giornata Don Bosco – Mele, partita fondamentale per entrambe le squadre in chiave salvezza. La vincono i granata che salgono al terzultimo posto e chiudendo il girone di andata in modo positivo, con prestazioni convincenti e promettenti. La partita si sblocca al 17° con un colpo di testa di Bovone che porta di vantaggio i padroni di casa. Il resto del primo tempo scorre senza situazioni esaltanti.

Nel secondo tempo al 60° arriva il raddoppio della Don Bosco con Cipollina. Cinque minuti dopo Patrone su rigore accorcia le distanze e nel finale un intervento miracoloso di Di Moro evita la rete del pareggio con una parata clamorosa. Don Bosco che quindi chiude con una vittoria il 2016, per il Mele la sosta dovrà servire per resettare la mente e ripartire.