Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ericsson, ennesima beffa: l’incontro sui licenziamenti rinviato a causa del ponte dell’Immacolata. La Regione: “Noi eravamo disponibili”

Genova. Ennesima beffa per i lavoratori di Ericsson che a gennaio rischiano un licenziamento in massa dopo che solo una trentina di loro hanno accettato l’uscita agevolata dall’azienda rispetto ai 147 licenziamenti annunciati a giugno dalla multinazionale svedese. Domani, venerdì 9 dicembre, avrebbe dovuto tenersi un incontro in Regione con il presidente Toti ma è stato rinviato a data da destinarsi.

Il motivo? Secondo quanto riferito dall’rsu di Ericsson il rinvio è stato chiesto dalle segreterie territoriali di Fistel-Cisl e Uilcom-Uil per impegni lavorativi precedentemente assunti senza mettere a conoscenza la RSU”. “La convocazione di questo tavolo, arrivata in data 1 dicembre – spiega l’rsu di Ericsson in una nota – lasciava sufficiente spazio temporale per organizzare l’incontro e renderlo profittevole. Ovviamente il giorno 9 dicembre, venerdì di ponte, poteva essere ‘scomodo’, ma nulla in confronto al dramma di chi perde il proprio posto di lavoro. Invitiamo Fistel-Cisl e Uilcom-Uil a fare una riflessione su quanto accaduto perché qualunque tentativo di difendere diritti e posti di lavoro è degno e deve essere perseguito, anche se cade durante le feste”.

Alla richiesta dell’est di effettuare lo stesso riscontro il presidente della Regione Giovanni Toti ha risposto: “Mi spiace ma sono le altre sigle sindacali a non avere dato la loro disponibilità per tale data. La riprogrammeremo non appena tutti avranno dato la loro disponibilità di data. Io venerdì di ponte sono qui a lavorare, quindi ero disponibile. Altri evidentemente no”.