Messa in sicurezza

Dopo il bruco, la demolizione dei negozi. Brignole cambia volto con il cantiere del Bisagno fotogallery

Dei palazzi che ospitavano alcune delle attività distrutte dalla furia dell'acqua resterà solo il ricordo

Genova. Ricordate i negozi di piazza delle Americhe, quelli che durante l’ultima alluvione vennero travolti, ancora una volta, dall’acqua del Bisagno e furono ricoperti dal fango? Da questo pomeriggio dei palazzi che ospitavano alcune delle attività distrutte dalla furia dell’acqua, dal negozio di timbri a quello dei filati o dei materassi, resterà solo un ricordo visto che sono stati demoliti nell’ambito del terzo lotto dei lavori per la messa in sicurezza del torrente. Itinera ha i fiati iniziato a demolire i primi palazzi, quelli verso v Canevari e domani concluderà il lavoro con quelli verso il tunnel di via Archimede.

Un intervento che porterà allo smantellamento totale dell’area con la realizzazione di una piazza al posto dei negozi sotto i binari della stazione Brignole. “Una volta ultimata questa fase – spiega l’assessore alla protezione civile, Gianni Crivello – quest’area sarà adibita a cantiere fino alla sua definitiva trasformazione, con un intervento di estetica urbana che prevede anche la realizzazione di una fontana per abbellire quella che diventerà una piazza cittadina”.

Nelle scorse settimane avevano, infatti, preso il via le operazioni preliminari, con una delimitazione dell’area attraverso in New Jersey e con interventi sull’impianto di illuminazione. Oggi, nonostante la pioggia, una gru ha operato incessantemente per arrivare a una demolizione completa dei piccoli edifici, circa quindici vetrine, che erano collocati sotto i binari della ferrovia facendo nuovamente emergere le arcate davanti alle quali erano stati costruiti.

“Si tratta di una delle aree più critiche – prosegue l’assessore Crivello – anche perché questo è l’avvio di una fase di demolizione che porterà, nei prossimi mesi, a liberare il torrente da quella sorta di diga sotterranea che si era venuta a creare”. Dopo la demolizione del bruco, quindi, questo è l’intervento più vistoso esso finora in atto nel corso del cantiere di messa in sicurezza del torrente. “Una progettazione – conclude Crivello – che era partita nel 2014, subito dopo ‘alluvione, e che ora trova una sua applicazione”.

leggi anche
  • Soddisfazione
    Demolito il Bruco, Toti: “Simbolo di degrado che non c’è più
  • Nuove prospettive
    Genova, finiti i lavori di rimozione: addio Bruco
  • Continuano i lavori
    Un colpo di benna e il crollo: la demolizione “in diretta” dei negozi in piazza delle Americhe
  • La "favola"
    Genova, nuova opera di Tiler: il Bruco diventa Farfalla, ma senza lieto fine
  • Lavori in corso
    L’ultimo viaggio del Bruco, forse dentro la Fiera
  • Ci siamo quasi
    Bruco di Brignole, Crivello: “Tra pochi giorni sarà trasferito in piazzale Kennedy”
  • Questa notte
    Il Bruco va a piazzale Kennedy: via allo spostamento
  • Rimozione
    Corte Lambruschini, il bruco non c’è più: completato il trasferimento a Piazzale Kennedy