Da Albaro a Molassana: cinque colpi in poche ore, caccia ai falsi tecnici dei caloriferi - Genova 24
Gioielli e buoni postali

Da Albaro a Molassana: cinque colpi in poche ore, caccia ai falsi tecnici dei caloriferi

Genova. La tecnica è sempre quella del falso tecnico dei caloriferi: uno entra in casa con la scusa di controllare i termosifoni mentre l’altro, il complice, aspetta fuori e appena la vittima si distrae ruba soldi e gioielli. Un modus operandi ormai noto ma non per questo meno efficace: ieri a Genova, tra Albaro, San Martino, Borgoratti i truffatori hanno colpito ben cinque volte in poche ore.

Il primo colpo è andato in scena in via Trieste ai danni di una donna di 85 anni a cui i ladri hanno rubato gioielli per un valore da quantificare.

I finti tecnici hanno provato anche da una vicina di casa la quale non ha però aperto la porta. Alcuni minuti dopo, i due si sono presentati in casa di una coppia di anziani di 75 e 85 anni in via Orsini e anche loro non si sono fidati.

In via Sapeto, invece, i truffatori hanno derubato una anziana portando via buoni postali per duemila euro.

Poi c’è il caso di Molassana, dove la truffatrice e era donna. Anche lei si è finta addetta ai termosifoni e ha portato via a una anziana di 80 anni una busta con duemila euro in contanti. Su tutti gli episodi indaga la polizia.

Più informazioni
leggi anche
truffatore calorifero
Da genova al veneto
Anziani, raffica di furti con la scusa dei caloriferi: arrestato il falso tecnico, caccia al complice