Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

In vasca per solidarietà, ricordando Fabrizio Saracchi

Sedicesima edizione del memorial dedicato all'ex pallanuotista ligure con un quadrangolare Master a squadra miste uomini e donne. Il ricavato andrà a una scuola marchigiana colpita dal terremoto

Torna l’appuntamento con il Memorial Fabrizio Saracchi che quest’anno giunge alla sua edizione numero sedici e vedrà impegnati in vasca, nella piscina Comunale di Sori tanti atleti, uomini e donne per un appuntamento diventato irrinunciabile, sia per onorare la memoria di Saracchi, grande uomo di pallanuoto, che per gli intenti solidali che l’evento contiene.

L’incasso infatti sarà totalmente devoluto all’Istituto Comprensivo di Caldarola, scuola di un comune in provincia di Macerata, colpito dal sisma di qualche settimana fa. Ad organizzarlo, come sempre, la Waterpolo Golfo Paradiso che ha invitato per questa edizione il Torino Vintage, Metanopoli e Poggibonsi. Come al solito la regola impone la presenza in vasca di almeno due componenti donne per squadra.

“In questi anni – commenta Angelo Figari presidente giocatore – abbiamo vinto tanti Trofei, partecipato a molti eventi sportivi ma non abbiamo mai perso di vista l’impegno civile. Vogliamo essere in tanti, coinvolgere più gente possibile, e che ognuno faccia la sua parte”.

In acqua agonismo e goliardia, il grande cuore della pallanuoto che batte sempre, e non ha età. E’ già successo, purtroppo, in epoca recente nel 2011 e nel 2014 per le tragiche conseguenze delle due alluvioni che colpirono Genova.

Il contatto con l’Istituto Comprensivo di Caldarola è stato facile. Una telefonata, una mattina, per raccontare il piccolo progetto. Dall’altra parte del filo la dirigente Fabiola Scagnetti:“Siamo commossi – ha risposto – perché un’iniziativa come la vostra ci fa capire e sentire che allora ripartire è possibile”.

Con il ricavato della manifestazione verrà acquistato materiale didattico, bambini e ragazzi vanno a scuola in un capannone, e aggiunge: “Manca tutto. Sappiamo che il Miur ci farà avere quanto necessario ma con tempi un po’ più ampi. Quindi grazie per avere pensato a noi”. Gli organizzatori si attendono le tribune gremite, anche per la presenza di alcuni nomi storici della pallanuoto ligure che dovrebbero esserci, com’è già capitato in altre edizioni quando sono stati presenti da Pizzo ad Alberani a Ghibellini.