Treni, i pendolari liguri: "Cosa non deve mancare nel nuovo contratto di servizio" - Genova 24
I punti focali

Treni, i pendolari liguri: “Cosa non deve mancare nel nuovo contratto di servizio”

Stazione di Sestri Levante

Liguria. “La parola ‘Contratto Di Servizio’ parrebbe indicare un argomento estremamente tecnico e specializzato, qualcosa insomma che sembra non avere niente a che fare (o comunque lontanissimo) dall’esperienza di chi si deve muovere in treno e con i mezzi pubblici tutti i giorni. Ma non è così. A molti pendolari, utenti occasionali e in generale alla maggior parte dei cittadini non sono forse chiari i meccanismi che regolano il trasporto ferroviario ed i mutamenti che sono avvenuti negli ultimi anni nell’ambito del trasporto pubblico locale: si vedono e si subiscono quotidianamente i disservizi ed i disagi ma risulta difficile capire genesi e motivazioni degli stessi, e ancora meno capire a chi possano essere imputate le responsabilità o gli eventuali meriti. Tutto questo dipende dal contratto di servizio”. A dirlo in una nota sono il Comitato Pendolari Levante Ligure, WWF-Italia-Liguria, Comitato Difesa Trasporto Valle Stura e Orba, Associazione Guide Turistiche Liguria (AGTL), Adiconsum Liguria, Italia Nostra Sez. Genova e i cittadini e rappresentanti delle categorie ricorrenti al TAR.

Per i firmatari del documento, il rinnovo del contratto di servizio tra Regione Liguria e Trenitalia è un’occasione
fondamentale per il trasporto ferroviario ligure e precisano che alcuni punti non dovranno assolutamente mancare affinché il servizio possa finalmente migliorare, a partire dalla responsabilità sui disservizi, che dovrà essere esclusivamente a carico del fornitore, cioè Trenitalia.

“Poi dovrà esserci chiarezza sui costi di produzione e sul corrispettivo erogato dalla Regione, dovrà essere rivisto completamente il discorso penali e i parametri delle stesse, da ripensare i controlli e il monitoraggio e devono essere chiari fin da subito tutti i treni, la loro composizione ed il numero dei passeggeri che possono trasportare, e se non vengono rispettate le composizioni devono essere applicate penali – prosegue il documento dei pendolari – Inoltre, occorre un programma di esercizio adeguato e ricontrattazione del corrispettivo e la riduzione progressiva dei tempi di percorrenza come ‘target’, con tempi verificati dalla Regione”.

Poi c’è l’obiettivo qualitativo, cioè intervenire sulle infrastrutture per aumentarne prestazioni, capacità e qualità, e la questione delle tariffe. “Gli aumenti tariffari devono essere secondo i tassi di inflazione o avere incrementi concordati ma non in maniere univoca. Le politiche tariffarie stesse, non solo entità delle tariffe ma anche tipologia delle stesse e obiettivi della politica tariffaria dovranno essere concordate all’interno del CDS e non potranno essere imposte da Trenitalia sulla logica di politiche aziendali autonome su scala nazionale (vedasi le scelte sul nuovo biglietto regionale, calate sul trasporto regionale e non concordate all’interno del cds, con conseguenze gravi per l’utenza)”, si legge ancora nella nota.

Infine, i comitati parlano di investimenti. “All’interno del CdS 2009 – 2014 è presente una sezione chiamata ‘investimenti’ in cui vengono riportati gli investimenti in termini di materiale rotabile e migliorie alle stazioni e alle infrastrutture che Trenitalia si impegna a portare avanti nell’arco del periodo del contratto. Tutte queste attività fanno parte della contrattazione tra le parti dalla quale deriva poi il corrispettivo stabilito. Ci chiediamo quindi come vengono valutati i mancati adempimenti dei precedenti contratti, vengono applicate delle penali, chi paga questi mancati risultati?”.

Per i pendolari, quindi, questi elementi non devono assolutamente mancare in quello che sarà il nuovo contratto di servizio, il cui obiettivo primario dovrebbe essere quello di migliorare il trasporto pubblico.

leggi anche
sciopero treni
I numeri
La quotidiana odissea dei pendolari. Legambiente: “Liguria tra le 5 peggiori d’Italia”