I retroscena

Strage a Cornigliano: il poliziotto aveva debiti di gioco fotogallery

Omicidio-suicidio a Cornigliano

Cornigliano. Secondo gli inquirenti, il poliziotto di Genova che ha ucciso moglie e figlie per poi togliersi la vita avrebbe accumulato debiti di gioco. Mauro Agrosì, infatti, secondo quanto emerso dalle indagini, era un giocatore compulsivo di lotterie istantanee ma i debiti accumulati non sarebbero stati tali, secondo gli inquirenti, da
giustificare quanto successo.

Per questo gli agenti della squadra mobile stanno interrogando familiari, amici e colleghi dell’uomo e della moglie per cercare di ricostruire la vita della coppia.

Nella lettera che Agrosì ha lasciato prima della strage tra l’altro, l’uomo si è rivolto a figlie e moglie: “Non vi voglio lasciare senza padre e senza marito. Per questo vi porto con me”.

leggi anche
Omicidio suicidio a Cornigliano
Omicidio-suicidio
Poliziotto uccide moglie e figlie mentre dormono, chiama il 113 e si toglie la vita: “Ho ucciso tutti, lascio la porta aperta”
Omicidio-suicidio a Cornigliano
I vicini sgomenti
Strage a Cornigliano, i vicini di casa: “La classica famiglia tranquilla”
Benji e fede
Dopo la tragedia
Strage di Cornigliano, l’addio delle amiche alla piccola Martina: “Ti vogliamo bene, le tue dreamers”
Omicidio-suicidio a Cornigliano
Le indagini
Strage di Cornigliano, nessun mutuo e quasi 40 mila euro di debiti: i tanti nodi da sciogliere per dare un senso a quel gesto folle