Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

A Sori, Pieve Ligure e Bogliasco un video e una “staffetta” contro la violenza sulle donne

Golfo Paradiso. Dal 1999 ricorre la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, istituita ogni 25 novembre dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite e quest’anno, per la prima volta, vede il coinvolgimento delll’Unione dei Comuni del Golfo Paradiso (Sori, Pieve Ligure e Bogliasco) attraverso una “staffetta antiviolenza”.

Il progetto muove dalla proposta dall’Associazione Città di Genova che opera attraverso Ivano Malcotti sul territorio dell’Unione per progetti di inclusione sociale. Nasce tutto da una testo, scritto da Malcotti, che racconta la storia
vera di una donna genovese che dal marito violento non riesce a staccarsi, da lì l’idea di trasformare il testo in una canzone fino a realizzare un video: “Alla violenza dico no”.

Il video vede coinvolti sindaci, commercianti, vigili, giovani, rigorosamente uomini, di Sori, Pieve Ligure e Bogliasco che si sono prestati come attori per una buona causa. Segno distintivo degli “attori” un oggetto rosso, simbolo della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. Lo spot diventerà anche un vero e proprio trailer che passerà nelle sale cinematografiche di Sori e di Bogliasco a partire dal 25 novembre, perché anche il cinema di comunità svolge un ruolo sociale importante nei piccoli Comuni.

La staffetta parte da Bogliasco il giorno 22 novembre con la proiezione dei video. Venerdì 25 appuntamento a Sori sotto i portici del comune: alle 17 la proiezione, poi un flash mob di danza con i ballerini di break dance, ovviamente
maschi, del gruppo Fit & dance. E a seguire “La preghiera di un uomo”, letture da parte di rappresentanti delle associazioni sportive soresi, rigorosamente uomini, di brani di Eve Ensler. I commercianti installeranno intanto nelle
vetrine oggetti rossi contro la violenza.

Si conclude sabato 26 novembre a Pieve Ligure con l’ultima proiezione del video e l’intervento del centro antiviolenza Macherona di Genova.