Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

A Sestri Levante Dagger Moth e Dome La Muerte in concerto

Più informazioni su

Sestri Levante. Serata a tinte scure per il primo evento di novembre del circolo Randal. Sul palco domani, venerdì 4 novembre, alle 22 Dagger Moth one woman band con chitarra elettrica, voce ed elettronica che miscela loop, noise e melodia in bilico fra caos e struttura. A seguire il ritorno in zona del reverendo Dome La Muerte, uno dei personaggi di culto e leggendari del punk rock italiano: membro fondatore dei mitici CCM (Cheetah Chrome Motherfucker) unica band italiana prodotta da Jello Biafra. Dagger Moth è il progetto solista e solitario di Sara Ardizzoni, one-woman-band, con chitarra elettrica, voce ed elettronica, che miscela loop, noise e melodia in bilico fra caos e struttura.

L’album omonimo esce nell’aprile del 2013 su Psicolabel e vede la collaborazione di Giorgio Canali, Joe Lally, Alfonso Santimone, Luca Bottigliero. Il nuovo album “Silk around the marrow”, uscito nell’aprile del 2016 è
“..un disco che può far pensare ai più notturni Blonde Redhead o a Cat Power, ma scarnificati all’osso e rivisti con un’ottica avant-folk incentrata nelle dinamiche del cantato e nelle linee melodiche della chitarra”.

Dome La Muerte, membro fondatore dei mitici CCM (prodotti da Jello Biafra), dei Not Moving e degli Hush. Ha girato in tour in Europa, con Nico, Clash, Nick Cave and the Seeds, Johnny Thunder’ Heartbreackers, Fleshtones, Fuzztones. Ha partecipato con De Andrè, Guccini e Gian Pieretti all’omaggio ad Allen Ginsberg tenuto a Conegliano Veneto nel ’96. Ha composto e suonato in colonne sonore per spettacoli teatrali e film (tra cui “Nirvana” di Salvatores). Da anni si occupa di promuovere la cultura dei nativi americani, collaborando a diversi progetti con Lance Henson e John Trudell. Una volta ha anche baciato Caterina Caselli.

Sabato serata dedicata agli amanti della cultura sound system con due impianti autocostruiti e musica giamaicana degli anni sessanta e settanta: Soul Rockers System e Skankin Society dalla Svizzera. Soul Rockers è il sound di Francesco aka Scratching Sounds e Nico, due artisti toscani molto conosciuti nel panorama reggae roots.

Una vita di Selecta, di live, una vita di ascolti, Soul Rockers è la notazione musicale che nasce dai giorni nostri, da questo tempo,solido e diretto. Rifacimento dei primi sound “60’s original” in tutte le sue sfumature, con scoop doppio cono a 4 vie, volendone sintetizzare l’essenza in due parole, possiamo dire semplicemente old style! Due parole che dicono molto, come due selecter, con due selezioni, diverse ma con lo stesso filo conduttore e l’identico amore per quella concezione di suono che ha semplicemente devastato emozionalmente le rispettive identità. Ska, rock-steady, early reggae, roots-dub, fino ad arrivare agli 80’s, ma sempre rimanendo sul concetto di originalità, senza perdersi nel groove che non gli appartiene. Soul Rockers è di fatto una missione, una trasmissione: ogni uomo una radio. La “mission” di Soul Rockers Sound System non può che iniziare da qui! Quindi, per gli amanti dei suoni autentici, di quelle culture che nascono da lontano e che ancora oggi rimangono vive grazie alla passione di persone che ci investono l’esistenza stessa.

Skankin Society è una crew svizzera con impianto autocostruito che suona classici del repertorio Reggae, Rocksteady e Dub ad alta qualità musicale e sensoriale.