Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Serie C femminile: la Lavagnese fa di nuovo “13” risultati

Genoa sconfitto dal Vado

Lavagna. L’ottava giornata racconta al meglio la forza della Lavagnese rispetto al resto delle contendenti nel girone ligure di Serie C.

Le bianconere hanno vinto 13 a 0 non contro l’ultima né contro la penultima in classifica, bensì ai danni dello Spezia, che occupa la quarta posizione. Le ragazze condotte da Roberto Morbioni, che fino ad ora hanno conquistato sette vittorie e un pareggio, viaggiano alla media di 6,4 reti a partita.

Il secondo “13” della capolista dopo quello di Andora, questa volta ottenuto al “Riboli”, è frutto delle doppiette di Giuffra, Pascotto, Spaccamonti, Rocca e Barbieri e delle singole reti di Cimarosa, Gardel e Rollero.

Una giornata da dimenticare, invece, per il Genoa, con risultati negativi per tutte le leve femminili. La prima squadra ha rimediato una sconfitta per 2-4 sul campo di casa, ad opera del Vado.

Tutte le giocatrici rossoblù scese in campo, comunque, hanno onorato la maglia, giocando con impegno e dedizione. Le vadesi, però, hanno confermato di avere qualcosa in più. Il Genoa si può consolare guardando il risultato dell’andata, quando perse 6-1: qualche passo avanti è stato fatto.

La formazione di mister Adriano Prampolini ha tutte le attenuanti del caso. Erano tredici le ragazze scese in campo al “XXV Aprile” per l’incontro. Tra problemi muscolari e virus influenzali la partita è diventata un appello a non farsi male per evitare di rimanere in inferiorità numerica. Con questo stato d’animo la squadra di casa ha cercato di affrontare le seconde in classifica con l’intenzione comunque di fare risultato o almeno di limitare i danni.

La squadra genovese ha saputo soffrire e, come succede ultimamente, ha dato dimostrazione di grande carattere, non mollando mai e dimostrando personalità, nonostante la giovane età media. Dopo i gol di Valle, Salvo e Spotorno per le vadesi ecco la doppietta di Cacciabue, pedina importantissima nello scacchiere genoano.