Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

I rivi della Liguria tra bellezza e rischio idreogeologico: a Genova “Corsi d’acquaedicemento”

Più informazioni su

Genova. Venerdì 18 novembre alle ore 17,30 sarà inaugurata presso il Municipio V Valpolcevera la mostra fotografica “Corsi d’acquaedicemento”. La mostra nasce dall’omonimo concorso fotografico organizzato da Greenitalia, avente per tema il dissesto idrogeologico in Liguria, cui hanno partecipato numerosi fotoamatori, presentando 70 immagini di 25 corsi d’acqua della nostra Regione.

Obiettivo puntato sullo stato di preservazione dell’ambiente: di alcuni torrenti infatti, sono stati immortalati anfratti bellissimi, verdi e lussureggianti, vecchi ponti romani, mentre di altri gli aspetti meno edificanti: la cementificazione che li soffoca pericolosamente, l’incuria e tanto abbandono. A volte è protagonista la bellezza; altre volte il degrado, e purtroppo anche qualche disastro.

Alla base del concorso c’era la volontà di creare una mappatura più ampia possibile del patrimonio imbrifero ligure e allo stesso tempo alimentare il dibattito sulla fragilità del nostro territorio per trovare delle soluzioni percorribili per la salvaguardia dell’ambiente, la sicurezza e la salute dei cittadini.

Questa mostra, conseguente il concorso, è stata presentata, per la prima volta in giugno presso il Museo di Sant’Agostino, anche sede di due convegni, ora, con il supporto di Legambiente e il contributo del consigliere regionale di Rete a Sinistra Gianni Pastorino diventa itinerante: dopo laValpolcevera, infatti verrà riproposta presso il Centro Civico Buranello di Sampierdarena (dal 9 gennaio al 2 febbraio 2016), a seguire Sestri Ponente, Valbisagno ( date e luoghi ancora da definire) per concludersi a Palazzo Tursi. “La bellezza di queste immagini rappresenta un’ottima occasione per parlare dei corsi d’acqua della Liguria e ritornare con convinzione sul dissesto idrogeologico – dichiara Pastorino -. La Liguria è stata teatro di gravissimi eventi; ma oggi può diventare terreno di sperimentazione per pratiche innovative, ecocompatibili, nella messa in sicurezza e nella creazione di nuovo lavoro legato alla prevenzione e alla manutenzione”.

All’inaugurazione, seguirà alle ore 18 un dibattito con: Iole Murruni (presidente del Municipio V Valpolcevera), Renzo Castello (Vicepresidente dell’ordine dei geologi), Antonella Marras (presidente del comitato per Fegino), Stefano Camisasso ( presidente del comintato Non Tav della Liguria), Gianni Pastorino (consigliere della Regione Liguria), Andrea Agostini (Legambiente), Isabella Puliafito (Greenitalia).

La mostra resterà aperta fino all’11 dicembre con il seguente orario: da lunedì a giovedì dalle 10 alle 18, venerdì dalle 10 alle 14, sabato 3 e 10 dicembre dalle 10 alle 18.