Pestaggio sul bus a Caricamento, pm chiede condanne dai 4 ai 2 anni - Genova 24
Il processo

Pestaggio sul bus a Caricamento, pm chiede condanne dai 4 ai 2 anni

cronaca

Genova. Il sostituto procuratore Vittorio Ranieri Miniati oggi ha chiesto pene comprese tra 4 e due anni per i due ragazzi e le due ragazze accusate del pestaggio ai danni di un barista genovese, avvenuto a bordo di un bus dell’Amt la sera del 14 luglio 2015. I quattro hanno scelto tutti il rito abbreviato che consente uno sconto di pena fino a un terzo. Le accuse per tutti sono di lesioni gravissime in concorso.

Il pm ha chiesto quattro anni per Federico Burlando e tre anni e due mesi per Lorenzo Giuliani, difesi rispettivamente dagli avvocati Pierdomenico Cariello e Alessio Chiarla. Due anni per le due ragazze Megi Burhamaj e Beatrice Marzo, difese da Marco De Benedictis e Michele Isposamia. Per loro il pm ha dato parere favorevole alla sospensione condizionale della pena.

Per tutti ha escluso l’aggravante dei futili motivi perché nella difficile ricostruzione di quanto è accaduto quella sera non è chiaro quale sia stato il movente scatenante la violenza. Forse un apprezzamento a una delle ragazze oppure, come hanno sempre sostenuto i giovani imputati, una provocazione.

Un quinto giovane che all’epoca era minorenne si è occupato il tribunale dei minori che ne ha disposto la messa alla prova. Il barista, parte civile nel processo, era finito in coma e rimase a lungo in condizioni gravi.

L’udienza, davanti al gup Cinzia Perroni, è stata rinviata al 25 novembre.

leggi anche
cronaca
A caricamento
Pestaggio sul bus a Caricamento, attenuate le accuse: lesioni aggravate e non tentato omicidio
autobus bus amt 1
L'inchiesta
Pestaggio sul bus, amico della vittima denunciato per minacce
cronaca
Interrogato
Pestaggio sul bus a Caricamento, uno degli aggressori: “L’ho colpito solo una volta”
cronaca
Difesa
Pestaggio barman sul bus, uno degli arrestati scagiona le ragazze
tribunale genova
La difesa
Pestaggio omofobo sul bus, una delle ragazze: “Dispiaciuta, ma non chiedo scusa”