Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Mazzette di soldi finti e un maxi striscione , i no tav cacciano il camper del Terzo Valico: “Fate schifo”

A pochi giorni dagli arresti il commissario Romano attiva un infopoint mobile. Oggi pomeriggio si replica a Pontedecimo

Genova. Avrebbe dovuto sostare a Campomorone tutta la mattina il camper del Terzo Valico che da oggi viene utilizzato come Infopoint per informare i cittadini sui cantieri. Ma questa mattina nella piazza del municipio ci è rimasto meno di un’ora. Ad accoglierlo a meno di due settimane dagli arresti dei vertici del Cociv per corruzione, concussione e turbativa d’asta, una cinquantina di no tav con un gigantesco striscione dove campeggiava la scritta ‘Fate schifo’.

Il camion è arrivato presto scortato da un blindato dei carabinieri e da un cospicuo contingente di agenti della digos. I no tav hanno di fatto circondato il camion con il loro striscione e quando la commissaria al terzo valico Iolanda Romano è scesa dal furgone per parlare con i no tav sono partiti cori e urla contro il Cociv. I manifestanti hanno anche lanciato contro il camper mazzette di soldi finti a ricordare quelle vere prese da alcuni funzionari del Cociv come hanno dimostrato le riprese della guardia di finanza di Genova. Così dopo pochi minuti il camper ha acceso il motore e ha lasciato Campomorone.

I no tav si sono poi riuniti in assemblea e si sono dati appuntamento alle 14 a Pontedecimo dove il camper dovrebbe sostare questo pomeriggio. “E’ assurdo – spiega uno dei manifestanti – che in tutti questi anni nessuno è mai venuto a spiegare ai cittadini a cosa serve il terzo valico, ma solo a parlare delle opere complementari. E oggi dopo quello che è successo arriva il camper informativo”.