Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Maricoltura Nervi-Bogliasco, M5S: “Un disastro per ambiente e occupazione”

Più informazioni su

Nervi. “La maricoltura a Nervi e Bogliasco non s’ha da fare. Da Toti pretendiamo chiarezza sul tema e chiediamo che siano audite nella relativa Commissione III del prossimo 14 novembre le associazioni e i comitati di cittadini presenti sul territorio, i rappresentanti della piccola pesca locale e tutte le istituzioni coinvolte, Capitaneria di porto in testa”.

Lo dice Marco De Ferrari, portavoce del MoVimento 5 Stelle in Regione Liguria, spiegando le ragioni del No agli impianti di allevamento ittico nelle acque del Levante cittadino.

“Come rilevano autorevoli studi internazionali, la maricoltura ha un impatto violentissimo sull’ambiente se installata in prossimità delle aree ecologicamente molto sensibili come le aree SIC – spiega il portavoce M5S – Esiste un rischio enorme di eutrofizzazione (un aumento abnorme dei micronutrienti in sospensione), di carenza di ossigenazione delle acque e conseguente riduzione delle praterie di Posidonia, quindi della biodiversità. In più ci sono aspetti non trascurabili di insostenibilità: ogni chilo prodotto di carne allevata (di bassa qualità) consuma 4 chili di pesce pescato”.

“Pesanti anche le ricadute sull’occupazione – prosegue De Ferrari – con centinaia di piccoli pescatori che rischiano di veder sfumare oltre il 30 percento dei loro introiti, poiché l’installazione dell’impianto in quella specifica area sarebbe di intralcio alle rotte delle loro imbarcazioni. Senza contare gli effetti negativi sul turismo e sulle attività sportive a impatto zero legate al nostro mare”.

“Il 24 ottobre scorso – ricorda De Ferrari – una delegazione della Commissione III ha compiuto un sopralluogo all’impianto di maricoltura di Lavagna, mentre in Regione si stava discutendo il bilancio in Commissione I. Più che un sopralluogo e farsi abbagliare dai soliti specchietti per le allodole alla luce del sole, consigliamo al Partito Unico di fare un “sottoluogo” e andare a perlustrare i fondali e il pesantissimo impatto che la maricoltura ha sulle aree marine di contorno alle vasche in aree ecologicamente sensibili e di protezione come quelle tra Nervi e Bogliasco”.