Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Pro Recco venerdì in visita al Gaslini, poi ad Atene

I biancocelesti visiteranno l'Ospedale pediatrico genovese per salutare i piccoli pazienti. Lunedì poi voleranno in Grecia per un common training con l'Olympiakos

La Pro Recco si avvicina all’esordio in Champions League con un common training insieme ai vice campioni d’Europa dell’Olympiakos. I greci ospiteranno i recchelini nel loro complesso ateniese dal 22 al 25 novembre, quando i biancocelesti poi torneranno in Italia per affrontare il Posillipo a Napoli in campionato. Si tratta del secondo periodo di allenamenti insieme ad altre squadre europee dopo quello di ottobre avvenuto a Camogli e Lavagna in compagnia dello Jug.

Prima di partire, però, venerdì 18 la Pro Recco sarà di scena all’ospedale pediatrico Gaslini di Genova, per una visita ai piccoli tifosi in difficoltà, in particolare nei reparti di pneumologia e gastroenterologia che potranno incontrare i loro idoli e vivere un momento di felicità senza pensare ai problemi che li attanagliano.

La visita all’ospedale Gaslini – afferma il presidente Maurizio Felugolascia sempre un segno indelebile su di noi; da quei reparti in cui si respirano umanità e sofferenza si esce ogni volta arricchiti. Nei momenti che trascorriamo con i piccoli pazienti, e il personale che amorevolmente li accudisce, si  comprende la vera essenza della vita. Ed è per questo che vogliamo regalare un po’ del nostro tempo ai bambini che stanno attraversando un periodo difficile della loro esistenza; una sofferenza condivisa con i genitori, l’altra medaglia di un dolore che spesso lascia senza fiato. La speranza è che la visita di venerdì sia solo il primo tempo di una partita da completare insieme, questa volta in piscina per vedere i nostri campioni da una prospettiva diversa dal letto di un ospedale. Il Gaslini è un’eccellenza mondiale che per noi liguri deve rappresentare un vanto da sostenere in ogni circostanza: alla direzione e al personale tutto va il nostro semplice grazie“.