Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Juric: “Prestazione positiva, anche se siamo stati imprecisi” fotogallery

Genova. Un pareggio giusto secondo Luigi Delneri, che ha sottolineato i meriti del Genoa: “Giocare contro questa squadra non è per niente semplice”.

Juric è contento della prestazione: “Ho visto la squadra come voglio io, una prestazione positiva, anche se a volte siamo stati imprecisi. Nel primo tempo ho visto più qualità, nella ripresa avevamo forse più paura delle ripartenze, ma la squadra ha dimostrato molto cervello, creando occasioni da gol senza concedere niente”.

Buone risposte da alcuni giocatori al rientro: “Orban lavora tanto – dice Juric – con lui in allenamento puntiamo su tanti aspetti di gioco, sulla concentrazione, sull’evitare falli ruvidi, che spesso commetteva”. Zapata, un cliente non facile, è stato controllato bene, se si esclude quell’occasione in campo aperto che ha avuto e “la squadra – sottolinea Juric – ha dato ottimi segnali anche quando perdeva palla”.

Ocampos ha segnato il suo primo gol con la maglia del Genoa anche se si rammarica del risultato finale, alla luce delle due occasioni in zona Cesarini. 55 minuti di partita dopo due mesi di stop: “Dovevo dimostrare qualcosa, il loro portiere è stato bravissimo a negarci il raddoppio. Abbiamo fatto comunque una bella partita. Ora avrò due settimane per allenarmi al meglio e arrivare al 100% alla sfida con la Lazio”.

Il futuro, secondo Juric, dipenderà da proprio da Ocampos e anche Ninkovic, il mister giudica questa prima parte di cammino del Grifone positivamente. Se le soluzioni sulle fasce in avanti sono diverse (oggi è entrato Simeone al posto di Rigoni), ci sono alcuni giocatori da cui il Grifone sembra non poter prescindere, come Laxalt e Rincon. Se si vuole andare a cercare il pelo nell’uovo, forse in questi due elementi si è visto un po’ di appannamento, comprensibile visti i ritmi partita e l’intensità con cui giocano. La sosta sarà benefica anche per loro. E chissà che in un prossimo futuro non possa esserci spazio anche per chi non ha giocato molto, come Fiamozzi.