Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, Roberta Pinotti ha aperto il Convegno “Italia & Africa” foto

Genova. Si è aperta con l’intervento di Roberta Pinotti, Ministre della Difesa, la seconda e ultima giornata del convegno “Italia & Africa” organizzato da SPeRA, Solidarietà Progetti e Risorse per l’Africa. Intervenendo insieme a Edoardo Berti Riboli, presidente di SPeRA e a Pietro Pero di Tumaini Onlus, il capo del dicastero della Difesa ha parlato della necessità di “Aiutare chi svolge attività mediche, ma anche di cooperazioni e solidali in Africa, un continente da cui non possiamo prescindere e che rappresenta un pezzo importante per il nostro futuro”, poi rispetto alla questione dei Migranti che attraversano il mare, ha ribadito la necessità di un forte aiuto da parte dell’Europa all’Italia che “Con le sue forze armate ha dato un esempio al mondo”.

Ha ricordato anche una propria vicenda personale: “Quando da ministro sono salita a bordo di un’imbarcazione di migranti. Erano 200 persone, tra loro anche una giovane donna incinta. Quando videro una divisa della Marina Militare applaudirono e piansero di gioia. In quel momento mi sono sentita orgogliosa di essere italiana”.

Per quanto riguarda il Convegno, dopo l’avvio con l’intervento del ministro e la tavola rotonda sui “Problemi degli operatori delle associazioni nel rapporto con il territorio e con le istituzioni africane”, cui hanno preso parte responsabili di ong, onlus e associazioni, si è svolto un secondo dibattito su “Trasporto dei Materiali dall’Italia all’Africa” con Mario Moneta, promotore delle belle Arti Liguria nel ruolo di moderatore. Alle 1.15 Paolo Pezzana, responsabile Anci Liguria per i migranti, modererà il dibattito su “Inserimento dei migranti nella vita sociale e produttiva italiana”, con interventi di molti responsabili di associazioni per la cooperazione. Maria Pia Caprini della cooperativa Minerva modererà la tavola rotonda su “Collaborazioni tra associazioni e istituzioni italiane”. Alle 14.30 conclusione del corso di cooperazione internazionale allo sviluppo e presentazione dei progetti degli studenti dell’Università di Genova con assegnazione delle borse di studio. Intanto è stato presentato il Portale SpeRA: un sito con tutti i progetti già pronti per essere attuati in e per l’Africa; una lista che giorno dopo giorno si sta allungando e che sarà sempre aperto e implementabile anche dopo il convegno, diventando un contenitore cui chiunque potrà accedere. Alle 14.30 si è svolta una tavola rotonda su “Opportunità di Lavoro nei Paesi Africani” in sala Colonne e una tavola rotonda su “Le competenze delle popolazioni africane, come incrementarle” in sala Mare.

Si tratta della settima edizione di un appuntamento che coinvolge associazioni, organizzazioni non governative, ma anche impresi ed istituzioni che s’impegnano a portare avanti progetto in campo sanitario, assistenziale e anche imprenditoriale in Africa. SPeRA, il cui presidente e ideatore è Edoardo Berti Riboli, attua in concreto quello che a idealmente tutti i politici e amministratori europei, di qualsiasi Paese e di qualsiasi orientamento politici, dicono da sempre: aiutare l’Africa in Africa. “Noi lo facciamo da sempre, con entusiasmo, mezzi limitati ma il coinvolgimento sempre più ampio di imprese e associazioni – spiega Berti Riboli – con il pieno sostegno dell’Università degli Studi di Genova, stiamo mandando avanti non solo un messaggio ma progetti concreti, in parte realizzati in parte realizzabili”.