Le pene

Genova, condannati i dipendenti assenteisti del Comune

tribunale genova

Genova. Accusati di truffa aggravata in danno del Comune di Genova e falsa attestazione circa la loro presenza sul posto di lavoro, sono stati condannati i 4 dipendenti assenteisti di Tursi. Il giudice Riccardo Crucioli ha condannato Maria Floriana Ambrosetti, 59 anni, a un anno, 4 mesi e 9 giorni di reclusione, Lucio Salvatore De Murtas, 62 anni, a un anno, 9 mesi e 5 giorni, Rossana Magrì, 58 anni, a un anno e 3 mesi e Maurizio Goffredo Pastorino, 60 anni, a un anno, 3 mesi e 11 giorni. Tutti hanno beneficiato della sospensione condizionale.

Secondo l’accusa i quattro, impiegati nel Centro Diurno di piazza De Ferrari (sono poi stati licenziati), avrebbero lasciato all’interno della struttura i tesserini magnetici per timbrare l’entrata e l’uscita dal servizio e, a turno, uno di loro avrebbe timbrato per gli altri tre non presenti. Avrebbero così lavorato quasi meno della metà delle ore effettivamente segnate e, di conseguenza, pagate dal Comune.

Le indagini della sezione municipale della polizia giudiziaria coordinate dal pm Federico Manotti, hanno riguardato
il periodo dal 15 novembre 2014 al 13 gennaio 2015. Nei due mesi sarebbe di circa 280 il totale delle ore non lavorate dai quattro dipendenti.

La vicenda si era appresa dalle riprese delle telecamere all’interno del Diurno e dagli appostamenti della polizia. Ambrosetti, Magrì e Pastorino hanno risarcito il danno. Per il Comune, costituito parte civile, il giudice ha disposto la liquidazione delle spese legali

leggi anche
tribunale genova
La truffa
Processo nel 2016 per gli assenteisti del Comune di Genova, svelata la tecnica con cui agivano
Chiuso il diurno di Genova
Cronaca
Dipendenti assenteisti al diurno di Genova: chiuse le indagini
matitone
Matitone
Dipendenti comunali assenteisti: procura chiede rinvio a giudizio per due funzionari