Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Entella-Spezia, Roberto Breda: “Sarà una battaglia, servirà l’aiuto di tutti” risultati

Anticipo al venerdì sera per il derby ligure

Chiavari. Ultimo giorno di lavoro per l’Entella al “Comunale” prima del derby di domani sera contro lo Spezia. Al termine della seduta di rifinitura svolta questa mattina, mister Roberto Breda ha redatto la lista dei giocatori convocati, venti in tutto.

Eccoli nel dettaglio. Portieri: Iacobucci, Ayoub. Difensori: Ceccarelli, Pellizzer, Benedetti, Sini, Belli, Iacoponi, Baraye, Keita. Centrocampisti: Gerli, Costa Ferreira, Moscati, Troiano, Ammari, Tremolada. Attaccanti: Caputo, Cutolo, Masucci, Beretta.

Toccherà a Luigi Nasca della sezione di Bari dirigere la partita tra Entella e Spezia, che avrà inizio alle ore 20,30. Sarà affiancato dalla coppia di assistenti composta da Daniele Bindoni (Venezia) e Dario Cecconi (Empoli); quarto ufficiale sarà Marco Serra (Torino).

È una partita che rispetto alle altre ha un peso specifico diverso – afferma Roberto Breda -. È un derby, contro una squadra in crescita e c’è il desiderio di tenerla a distanza e possibilmente anche allontanarla. Però non è facile, perché è una buona squadra. C’è sempre stato grande equilibrio, anche l’anno scorso con i due pareggi. Sappiamo che ci aspetta una grande battaglia, però sappiamo anche che vogliamo farla questa battaglia. Vogliamo farla bene, abbiamo intenzione di giocare al massimo. Il risultato può essere figlio di tante cose, dobbiamo cercare in tutte le maniere di portare gli episodi dalla nostra parte”.

Lo Spezia verrà a giocarsela, non resterà chiuso a difendere. “Se avremo più spazi non lo so, perché è sempre una squadra che gioca con equilibrio, con aggressività, però non ti concede tantissimo spazio. Noi abbiamo fatto bene in tante situazioni e circostanze e sicuramente abbiamo dentro di noi la consapevolezza e i mezzi per poter far bene. Abbiamo tanta voglia di far bene. Quando ci sono questo tipo di partite tutti i particolari vanno curati; ci dev’essere condivisione, come c’è sempre, tra tifosi e squadra alla ricerca della vittoria. Tra i punti di forza di quando giochiamo in casa, oltre al campo per le sue dimensioni che noi conosciamo, c’è questa empatia tra tifosi e squadra. Quindi – conclude l’allenatore – anche domani c’è bisogno di tutti quanti“.