Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Dalla Pop art al Futurismo: l’arte racconta i simboli dell’Arma fotogallery

Più informazioni su

Genova. E’ incentrato sui simboli dell’Arma il calendario dei carabinieri del 2017 che questa mattina a Genova è stato presentato dal comandante provinciale Riccardo Sciuto insieme al comandante del nucleo operativo Alberto Tersigni. “Il calendario – ha spiegato Sciuto – riprende il filone storico del calendario del 2016 utilizzando i diversi stili dell’arte grafica per raccontare i simboli dell’Arma, che ne costituiscono l’essenza”.

La carabina e la sua storia sono così raccontate con uno stile ottocentesco e rappresentate nel mese di gennaio. A Febbraio, nello stile Vittoriano, per noi Umbertino, tipico della seconda metà dell’800, campeggia l’Elmo dei Corazzieri con, sullo sfondo, la Firenze capitale d’Italia che, nel 1868, li tenne a battesimo. A Marzo l’Art Nouveau, raffinata espressione artistica e culturale di fine 800, viene utilizzata per rievocare la Daga del Carabiniere. Per Aprile, il tratto sobrio e raffinato delle officine viennesi esalta l’Alamaro dei colletti. Il Futurismo fa invece da cornice nel mese di Maggio, alla Bandoliera e alla Giberna, segni inconfondibili del carabiniere in servizio. La Banda Rossa dei pantaloni, ulteriore arcinoto e antichissimo segno, viene proposta nel mese di Giugno nello stile Bauhaus degli anni Venti del secolo scorso. Nella doppia pagina centrale la Fiamma, con un segno grafico contemporaneo, è proposta in una elaborazione geometrica nitidissima.

La narrazione prosegue nei mesi di Luglio e Agosto con due elementi dell’uniforme: il pennacchio rosso-blu e il mantello, foderato di saggia rossa: a rappresentarli, rispettivamente, gli stili Art Déco e Razionalista, espressioni della grafica degli anni Trenta e Qauranta del 900. Le rotonde forme dell’Optical Art degli anni ’60 disegnano, per Settembre, la Lucerna, emblematico copricapo del Carabiniere dalle origini. La tavola in stile Hippie degli anni ’70 del mese di Ottobre è dedicata al Basco: le sue diverse colorazioni richiamano i reparti che lo indossano, dal blu tradizionale, al rosso dei cacciatori, all’amaranto dei Paracadutisti, al nero della Linea Mobile, al celeste dei Carabinieri delle missioni ONU e al verde di quelli Forestali. La Saetta e il numero di emergenza 112, espressioni visive del nostro Pronto Intervento, vengono illustrati nell’inconfondibile stile Pop degli anni 80 nella tavola di Novembre mentre la grafica contemporanea del mese di Dicembre propone il polso di un Carabiniere il cui orologio mostra l’arma come i molteplici ingranaggio di uno strumento efficiente.

Insieme al calendario è in arrivo anche l’Agenda 2017 in un formato moderno e funzionale e con l’inserto dedicato alla “Musica nell’Arma”, ci presenta un dettagliato excursus storico sui complessi musicali dell’Arma, dalla mitica Banda alle varie Fanfare.