In appello

Costrinse prostituta a rapporti sessuali: pena ridotta per carabiniere

Condannato a 2 anni e 10 mesi

tribunale di genova

Genova. Due anni e dieci mesi di carcere, pena ridotta in appello. E’ la sentenza di condanna per l’ex comandante della stazione dei carabinieri Maddalena, accusato di induzione indebita alla prostituzione e violenza sessuale nei confronti di una prostituta.

I giudici della corte d’appello hanno ridotto la pena rispetto agli iniziali quattro anni e otto mesi di reclusione. L’ex comandante, difeso dagli avvocati Emanuele Olcese e Rodolfo Senes, era accusato di avere costretto una prostituta a rapporti sessuali e in cambio lui avrebbe omesso controlli su di lei. I giudici della Cassazione avevano derubricato il reato iniziale, concussione, e avevano ritrasmesso gli atti ai colleghi di secondo grado.

L’inchiesta, coordinata dal pm Paola Calleri, era nata dalla denuncia della stessa prostituta che aveva accusato l’ex comandante.

leggi anche
Prostituzione stradale
Cronaca
Genova, ricattava una squillo per ottenere rapporti sessuali: nei guai ex maresciallo