Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Burlando torna a vincere. Bolzanetese di nuovo seconda risultati

Nona giornata in Seconda categoria, girone D, dove sono arrivati tanti pareggi e diversi risultati che mescolano le carte in tavola. Per cominciare il Burlando, reduce dal brusco ritorno sulla terra dovuto al 3-1 subito sette giorni fa dall’Olimpia, torna a vincere e a mettere punti fra sé e gli avversari. Nel derby cromatico tutto gialloblù con il Mele, la capolista si impone con il minimo sforzo. Basta un gol di Incandela al 12°, il quinto stagionale, per mantenere inviolato il “Vallebona”. Il Mele è entrato in campo forse troppo timoroso o troppo nervoso, fatto sta che oggi la prestazione non c’è stata.

L’Olimpia invece dimostra di essere in gran forma e dopo aver battuto la capolista, impatta 2-2 con il Masone (ex) secondo in classifica. Su un campo molto pesante, i padroni di casa passano dopo soli 4’ grazie alla conclusione vincente di De Gregorio. Al 20° pareggio dell’Olimpia con Tiedo, ma al 33° ancora De Gregorio riporta avanti i suoi. Poco prima dell’intervallo, poi il Masone ha l’opportunità di mettere una seria ipoteca sulla partita, ma Macciò dal dischetto manda fuori.

La ripresa scorre lenta con la palla che viaggia spesso alta a causa di un terreno ai limiti della praticabilità, ma all’80° Quaglia, neoentrato, è al posto giusto per insaccare la conclusione che permette all’Olimpia di pareggiare e salire a quota 10 punti. Per il Masone tante recriminazioni per una partita che i biancoazzurri avrebbero potuto e dovuto chiudere prima.

Torna al secondo posto la Bolzanetese, in questo continuo scambio di posizioni che sta favorendo solo la prima che può dormire ancora sogni tranquilli. La squadra aranciobiancoblù sopravanza il Masone grazie alla vittoria sul Cà de Rissi, squadra sempre più discontinua. Al 18° sono proprio gli ospiti a passare in vantaggio con Barbieri che infila Zamboni con un diagonale preciso su bel cross di Comberiati. Il Cà poi sfiora il raddoppio su punizione con Ferrari, palla di poco fuori.

Al 22° pareggio della Bolzanetese su calcio di rigore trasformato da Giacobone. Il primo tempo è comunque di stampo rossobiancoblù con Barbieri sempre protagonista. Al 42° fa da sponda per Mauri che la mette al centro, interviene Comberiati che scarica su Moreno, ma la conclusione è fuori. C’è poi l’ultima occasione per Barbieri che resiste a un difensore, ma il suo tiro è impreciso.

Si va al secondo tempo con la Bolzanetese che parte all’attacco, ma Holguin salva sulla linea un’occasione nettissima per i locali. Al 67° quindi arriva il gol di Cocchella che riporta avanti i padroni di casa e in pieno recupero, con il Cà tutto avanti alla ricerca del pareggio, arriva anche il gol di Burgio che mette i titoli di coda al match.

Prosegue la marcia della Rossiglionese che va a punti da ben sei turni e con la vittoria odierna sul Mariscotti, lo supera in classifica ed entra in zona playoff. Una serie di prestazioni sempre costanti hanno permesso ai bianconeri di rimontare almeno sei posizioni negli ultimi due mesi. Il Mariscotti invece deve cedere il passo a una formazine con più fame. E dire che il vantaggio era proprio stato dei padroni di casa che al 25° segnano con Rescassi.

Nella ripresa poi, la rimonta di gran carattere degli ospiti che pareggiano al 60° con Bellotti e raddoppiano venti minuti dopo con Pastorino. Il Mariscotti non riesce più a tornare in partita poi e la Rossiglionese si porta a casa tre punti d’oro.

Facendo un salto in coda, è importante la vittoria del Campo Ligure, la seconda della stagione, che arriva sul campo di Sarissola, consentendo ai biancoverdiblù di staccare di tre punti proprio la Sarissolese, ultima in  classifica. Decisiva la rete di Bonelli al 78° che consente al Campo Ligure di salire a 8 punti, mentre il Sarissola rimane fermo a 5. Pareggia poi anche la Don Bosco contro il Begato, apparso più lento del solito, ma che prosegue nel suo record di imbattibilità che è giunto ormai a 9 turni. La partita è combattuta e si decide nei minuti finali.

Al 15° Arioti scheggia la traversa su punizione. Al 30° Ariete, punta del Begato reagisce male a un fallo e si becca il rosso lasciando i suoi in dieci uomini. Ciò nonostante gli ospiti attaccano e sforano il gol al 44° con Marcenaro che da due passi manda alto di testa. Nella ripresa la prima azione offensiva è ancora di marca Begato con Motisi che chiama Di Moro alla deviazione su un diagonale insidioso. Si arriva all’85° quindi quando Bovone è pronto a mandare i suoi in attacco. Al 92° quando sembra tutto finito, ci pensa Amato a riportare definitivamente sul pari il risultato.

Pareggio inutile ai fini della classifica fra Atletico Quarto e Anpi Casassa. Le due squadre restano vicine in classifica, nei bassifondi, ma è l’Anpi a mordersi le mani in questo turno. I biancorossi infatti erano in vantaggio. Il match inizia con un legno per parte: al 5° Valenti su punizione colpisce la traversa, mentre al 17° Guarducci prende in pieno il palo. Al 25° Goglia porta l’Atletico in vantaggio. E sull’1-0 si va al riposto.

Nel secondo tempo l’Anpi attacca e prende il controllo del gioco. Al 58° Carboni pennella una conclusione imprendibile per Postiglione. Poco dopo Valenti, sfortunatissimo, colpise un altro palo. Tre minuti dopo, però si consola colpendo di testa la sfera dell’1-2. Sembra tutto nelle mani dell’Anpi, ma Goglia si ripresenta davanti alla porta e al 69° sigla il 2-2. Il finale è al cardiopalma con Guglielmoni chiamato a calciare un rigore concesso all’82°. Arnaldi, però si supera e para facendo esplodere di gioia lo stadio. Alla fine un pareggio comunque giusto.