Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Bogliasco Bene, una sconfitta che lascia l’amaro in bocca risultati

I biancoazzurri si arrendono ad un'Acquachiara parsa alla loro portata

Bogliasco. Sfortunata prestazione per il Bogliasco Bene che nella settima giornata di campionato cede 11-9 in casa dell’Acquachiara. Non basta ai ragazzi di mister Bettini un buon inizio e un finale in crescendo per uscire indenni dalla “Scandone” di Napoli. I troppi errori in superiorità numerica e la maggior esperienza dei campani condannano i liguri alla quarta sconfitta stagionale.

L’inizio gara è un botta e risposta tra le due squadre. I bogliaschini vanno avanti prima con Guidaldi in superiorità, poi con Gambacorta e quindi con Vavic, ma vengono sempre recuperati dai locali che dopo aver trovato il terzo pareggio mettono anche la freccia, portandosi avanti di 2. Ad un soffio dalla sirena ancora Guidaldi, nuovamente in superiorità numerica, dimezza lo svantaggio.

L’alternanza di reti si ripete anche per buona parte della seconda ripresa, aperta dal rigore trasformato da Barroso e dal terzo sigillo ad uomo in più di capitan Guidaldi. Poi Guidi risponde a Cupic ma la rete di Del Basso prima dell’intervallo lungo assesta l’allungo partenopeo, portando i suoi sull’8-6.

La rete subita e il conseguente doppio svantaggio abbattono i bogliaschini, che nel terzo tempo mancano di lucidità sotto rete permettendo all’Acquachiara di prendere il largo e portarsi sul 10-6.

È l’allungo decisivo perché nell’ultimo periodo, nonostante le parate di Prian che neutralizza anche un rigore a Del Basso, il Bogliasco riesce a risalire fino a -2 con Vavic, Divkovic e Guidi ma non a colmare il divario. Per i biancoazzurri l’11-9 finale è un risultato pieno di recriminazioni e di rimpianti.

Una brutta partita in una giornata storta – così un rammaricato Daniele Bettini commenta a fine gara la prestazione dei suoi ragazzi –. Abbiamo avuto tante occasioni con l’uomo in più ma non siamo riusciti a sfruttarle. Oggi avevamo un’opportunità che non capita spesso, quella di andare a Napoli e trovare un’Acquachiara priva del suo centro titolare ma non ne abbiamo approfittato. Il campionato è lungo e difficile ma noi dobbiamo crescere e migliore sotto tanti punti di vista“.

Il tabellino:
Carpisa Yamamay Acquachiara – Bogliasco Bene 11-9
(Parziali: 5-4, 3-2, 2-0, 1-3)
Carpisa Yamamay Acquachiara: Lamoglia, Del Basso 1, Tozzi, Steardo, Sanges 1, Robinson, Barroso 3, Cupic 4, F. Lapenna 2, Krapic, Confuorto, Lanzoni, Cicatiello. All. P. Porzio.
Bogliasco Bene: Prian, A. Caliogna, Gavazzi, Guidaldi 3, Fracas, Vavic 2, Gambacorta 1, Monari, Puccio, Divkovic 1, Gandini, M. Guidi 2, Pellegrini. All. Bettini.
Arbitri: Lo Dico e Petronilli.
Note. Usciti per limite di falli: Monari e Sanges nel terzo tempo. Superiorità numeriche: Acquachiara 6 su 7 più 1 rigore fallito, Boglisco 6 su 18.