Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Auxilium ottava a Padova, la classifica non è ancora da salvezza

Più informazioni su

Genova. Sabato la città di Padova ha ospitato la terza tappa del Campionato di Serie A1, A2 e B Nazionale di ginnastica ritmica, in cui milita anche la genovese Pgs Auxilium Asd.

Nelle due settimane successive alla prova di Ancona, staff tecnico e ginnaste hanno lavorato per rendere ancora più stabili gli esercizi di gara, e presentare una formazione solida e competitiva anche per la terza e penultima prova. Alla vigilia di quest’ultima però, Sofia Dolcini ha avuto un infortunio e questo ha portato a rivedere la formazione di gara un giorno prima della stessa. Grazie all’esperienza delle due “veterane” Giulia Simi, in forze dalla Società Etoile, e anche lei non al massimo della sua condizione fisica a causa di un fastidioso male alla schiena, e di Sabrina Deiana, chiamata a eseguire i due esercizi a fune e cerchio, quest’ultimo in sostituzione della compagna di Sofia, la squadra
ha saputo reagire difronte al momento di difficoltà, mostrando coraggio e unità.

Simi e Deiana sono scese in pedana rispettivamente a fune e cerchio la prima, e nastro la seconda, eseguendo tre composizioni nel complesso positive, sporcate solo da piccole imprecisioni nella parte finale degli esercizi. Il corpo libero è stato affidato a Daria Brosio: prima uscita in pedana per lei nel Campionato, non ha deluso le aspettative. Nicole Parisi ha presentato l’esercizio alla palla: sorridente, dinamica e precisa nelle difficoltà, ha eseguito un buon esercizio che forse poteva essere pagato leggermente di più. In ultimo Ilaria Puglia, dopo l’eccellente exploit della precedente prova, è scesa questa volta in pedana alle clavette, affermando nuovamente le sue qualità e potenzialità.

Tutto questo però non è bastato per risalire la classifica: none in questa prova e ottave in classifica di Campionato, una posizione a soli 4 punti dalla salvezza. Tra due settimane ci sarà la quarta e ultima prova: bisogna ora non perdere la concentrazione e lavorare ancora più duramente, con motivazione e determinazione, perché il Campionato è ancora aperto e tutto è ancora in gioco.