Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Allerta rossa e misure di autoprotezione: multate le auto sul marciapiede (ampio e deserto) di corso Saffi

La Municipale si difende: "Multe fatte ieri sera, alcune auto erano di intralcio"

Genova. Multe alle auto parcheggiate da questa mattina a causa dell’allerta rossa sul marciapiede (ampio e poco frequentato) della parte alta di corso Saffi.

La segnalazione è arrivata da alcuni cittadini con tanto di documentazione fotografica. Il Comune di Genova ieri aveva dato la possibilità a chi parcheggia l’auto in una zona esondabile di usufruire di una altre zone della Blu Area, ma non tutti evidentemente hanno avuto questa opportunità per mancnaza di tempo o semplicemente non hanno trovato altro parcheggio. Ma i vigili sono stati implacabili: tutte le auto trovate sul marciapiede, nonostante all’apparenza non fossero di intralcio, sono state multate, ad eccezione di quelle con il tagliando della Questura (si tratta delle auto private dei poliziotti che lavorano in via Diaz) che sono invece state risparmiate.

L’episodio sta suscitando l’ira di molti genovesi sui social: “Ma come – dicono – c’è l’allerta rossa e i vigili si preoccupano di dare le multe alle auto che abbiamo dovuto spostare e che non danno nessun fastidio?”.

allerta arancione

Il comandante della Municipale Giacomo Tinella, contattato telefonicamente in un primo tempo non è stato in grado di commentare né di informarsi visto che ha spiegato di “essere impegnato con l’allerta”. Inutile finora il tentativo di contattare l’assessore alla Municipale Elena Fiorini.

Poco dopo la risposta della Municipale arriva: “Ieri sera – fanno sapere dal Comando – alle 21 una pattuglia è arrivata in quel tratto di corso Saffi per rilevare un incidente stradale e lì tra la Questura e casa del mutilato hanno fatto 17 multe a causa dei veicoli che erano parcheggiati parzialmente sul marciapiedi e parzialmente sulla carreggiata per la direzione ponente che in quel punto è ad una sola corsia. La valutazione dei colleghi è stata che questi veicoli potessero costituire un intralcio ed un pericolo per gli altri mezzi in transito e li hanno sanzionati”.