Quantcast
La beffa

Sulla facciata della Regione arriva la promozione turistica…… della Francia

Dopo il tablet che esplode arriva il turno dei viaggi. Ma la Liguria rimane esclusa

Genova. Ci sono voluti mesi ma, alla fine, la facciata del palazzo della Regione Liguria in Piazza De Ferrari e’ diventata, come era stato d ciao, strumento per la promozione turistica. Peccato che a promuoversi non sia #lamialiguria, questo il titolo della campagna lanciata in pompa magna dalla giunta, ma la vicina Francia, attraverso la compagnia di bandiera Air France che pubblicizza il suo network composto da oltre mille destinazioni.

La Regione, ovviamente, non ha alcuna colpa anzi è rimasta beffata dalle scelte dei proprietari del Palazzo. Dopo la decisione del Comune di Genova, che aveva bocciato l’ipotesi di uso della facciata come maxischermo per i video promozionali, Unipol Sai, proprietaria dell’immobile ha, infatti, messo a disposizione i ponteggi per maxi manifesti pubblicitari.

E cosi, dopo la “réclame” di un tablet di ultimissima generazione, che l’azienda produttrice ha ritirato proprio il giorno dell’avvio della campagna perché esplodeva, e la pubblicità di un telefono che era sul mercato da almeno sei mesi, non certo una novità, adesso è finalmente il turno del mondo dei viaggi anche se la Liguria rimane esclusa.

leggi anche
  • Il retroscena
    La maxi pubblicità sulla facciata di De Ferrari? Un errore nella “guerra fredda” tra Tursi e la Regione
  • Marketing turistico
    Turismo, la facciata della Regione diventa maxi schermo promozionale
  • Botta e risposta
    Cartellone pubblicitario sulla Regione, Vaccarezza attacca Alice Salvatore
  • Il commento
    Pubblicità su palazzo Regione, Toti: “Non autorizzata da noi, già chiesta rimozione”
  • Polemica
    La Regione diventa “cartellone pubblicitario”. L’ente diffida, ma chi ha dato il permesso?