Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rolli Days, a Genova la carica dei 90 mila fotogallery

Grandissimo successo per le 24 dimore patrimonio Unesco, prese d'assalto da genovesi e turisti

Più informazioni su

Genova. Trentamila ieri, il triplo contando anche la giornata di oggi. E’ il bilancio di un successo annunciato: i Rolli Days sbancano ancora una volta e si fermano a 90 mila presenze in 48 ore.

Ventiquattro le dimore patrimonio Unesco coinvolte in questa edizione: aperti per la prima volta Palazzo Grillo in piazza delle Vigne, Palazzo Serra Gerace e le nuove stanze della Duchessa di Galliera a Palazzo Rosso. Tra turisti e genovesi, tutte prese d’assalto. Quasi 29 mila le visualizzazioni della pagina Rolli Days sul sito visitgenoa.it, il doppio rispetto all’edizione di maggio: le provenienze dei click sono soprattutto, oltre che da Genova, da Milano, Roma, Torino, Firenze, La Spezia e Bologna. Successo anche sui social: Rolli Days è stato presente in Trend Topic tra le tendenze su twitter con l’hashtag RolliDays sia nel pomeriggio della giornata di sabato che nella mattinata di oggi.

“Il successo dei Rolli Days conferma il grande appeal rappresentato dalle dimore nobiliari patrimonio Unesco – sottolinea l’assessore alla cultura e al turismo del Comune di Genova, Carla Sibilla – con numeri da vero e proprio festival. Un risultato che è frutto di un lavoro di squadra che il Comune promuove e coordina. Ringrazio Camera di Commercio, Università, Arcidiocesi e le tante associazioni che ci hanno supportato per la buona riuscita di una manifestazione diventata ormai un appuntamento imperdibile. Il segreto del successo di questa formula, pensata dal Comune di Genova, è la riappropriazione da parte di tutti i genovesi di un elemento identitario e il suo utilizzo come leva promozionale della città, in Italia e all’estero. A questo proposito vorrei sottolineare che i giornalisti stranieri presenti all’evento hanno definito Genova una città che vive e respira e non una città turistica finta. Sono inoltre particolarmente soddisfatta – conclude Sibilla – del successo delle visite guidate per persone diversamente abili, un segnale importante di come la cultura possa essere un’occasione di socializzazione e di unione per tutti”.