Messa in prova

Picchiato perché ritenuto gay, niente carcere per il più giovane degli accusati

Genova. Il giovane accusato di avere partecipato insieme ad altri quattro ragazzi al pestaggio di un uomo alla fermata del bus in piazza Caricamento a Genova, potrà beneficiare della messa in prova. Lo ha deciso il Tribunale dei minori al termine dell’udienza preliminare, accogliendo l’istanza del ragazzo, all’epoca dei fatti minorenne.

Il 14 febbraio le parti si riuniranno per presentare un programma concordato con i servizi sociali.

La vicenda risale al luglio scorso. Secondo il racconto della vittima l’aggressione sarebbe nata perché il gruppo lo scambiò per gay in quanto aveva gli occhi truccati. I ragazzi, invece, avevano raccontato di avere reagito ai pesanti apprezzamenti che i due uomini avevano rivolto a una delle ragazze.

Sugli altri quattro, due ragazzi e due donne, deve esprimersi il gup Cinzia Perroni del Tribunale ordinario. Le accuse per tutti sono di lesioni aggravate.

Imputato anche l’autista del bus accusato di favoreggiamento e omessa denuncia.

Più informazioni
leggi anche
  • I retroscena dell'arresto
    Picchiato perché ritenuto gay, gli arrestati alle ragazze: “State zitte e fatevi i fatti vostri”
  • Le indagini
    Picchiato perché ritenuto gay, testimone: “Erano in sei”. A breve l’interrogatorio dell’autista del bus
  • Le indagini
    Picchiato perché presunto gay, pm convoca amico inglese
  • L'indagine
    Picchiato perché ritenuto gay, i 5 aggressori immortalati da una telecamera
  • Migliora
    Picchiato perché ritenuto gay, barista 44enne lascia l’ospedale Galliera
  • L'indagine
    Il 44 enne picchiato perché ritenuto gay verso la riabilitazione. L’avvocato dell’autista: “Frase su nonno mal interpretata”.
  • #noomofobia
    Picchiato perché ritenuto gay, la comunità LGBT sale sul bus: “Fulmine a ciel sereno ma città è dalla nostra parte”
  • L'attesa
    Pestaggio omofobo a Genova, il 40 enne migliora: “Presto potrebbe essere trasferito in struttura riabilitativa”
  • Alla camera
    Massacrato sull’autobus, il caso di Genova arriva in Parlamento
  • L'interrogatorio
    Massacrato sul bus a Caricamento, uno degli arrestati: “L’abbiamo picchiato ma siamo stati provocati”
  • Indagini in corso
    Massacrato sull’autobus: al vaglio dei carabinieri le immagini delle telecamere in zona Caricamento
  • Incubo
    “Sei gay, non guardare il mio ragazzo”. Genova, massacrato sull’autobus: finisce in coma