Quantcast
Pareggio

Pareggio a reti bianche tra Genoa ed Empoli, un cartellino rosso cambia la partita fotogallery risultati

Furia Juric, espulso nel finale di partita

Genova. Uno zero a zero sostanzialmente giusto, vista l’assenza di azioni pericolose da entrambe le parti, con i portieri praticamente inoperosi, ma ancora una volta sono le sanzioni arbitrali a cambiare la partita, con un cartellino rosso, stavolta giusto, nel primo tempo. I dubbi però sono su altre situazioni che hanno lasciato qualche strascico, in primis l’azione fermata da Pairetto che ha scatenato la furia di Ivan Juric. Il Genoa è la squadra più “cattiva” della serie A e a questo occorrerà porre rimedio.

100 presenze di Perin in serie A con la maglia rossoblù, a premiarlo un recordman della storia del Grifone: Gennaro Ruotolo. Un record, da verificare anche in tribuna d’onore, dove è tornata Paola Preziosi con il piccolo Leonardo Veloso, alla sua prima partita a poco più di un mese dalla nascita.

Con Gentiletti e Pandev squalificati e Pavoletti ancora indisponibile, Juric si affida ancora una volta al Cholito Simeone, supportato da Edenilson e Rigoni.

Genoa subito in palla soprattutto sull’asse sinistro, Edenilson sembra essere in gran forma e l’intesa con Laxalt dà i primi frutti, con l’Empoli costretto subito a difendersi.

La squadra toscana però si affaccia dalle parti di Perin e Gilardino guadagna un calcio d’angolo sfruttando un rimpallo su Orban. Al 7′ minuto arriva già il primo cartellino per un fallo tattico di Lazovic a centrocampo su Saponara che stava ripartendo in modo abbastanza pericoloso.

La fase centrale del primo tempo vede un maggior equilibrio e la partita è godibile, l’Empoli protesta al 17′ per un presunto fallo di Burdisso su Krunic al limite dell’area.

Rigoni va in gol al 23′ su assist di Simeone, ma era oltre la linea dei difensori ospiti, fuorigioco ineccepibile.

L’Empoli sembra aver reso le misure alla partita, ma difetta nelle conclusioni: al 27′ Gilardino sbaglia mira da buona posizione

Risponde Veloso al 29′ dai 20 metri, ma il tiro a girare termina sopra la traversa.

La partita cambia al 34′ quando Lazovic ingenuamente compie il secondo fallo tattico della partita su Pasqual, cinturandolo, il serbo si rende conto di aver compiuto il patatrac e si mette le mani nei capelli, non protesta neanche quando Pairetto gli mostra il rosso.

Juric per ora non ricorre a un sostituto, ma sposta Edenilson sulla destra.

L’Empoli cerca di sfruttare il momento, ma ancora una volta non è pericoloso nelle conclusioni: il rasoterra di Gilardino al 39′ è ben controllato da Perin.

Arriva anche il primo cartellino giallo per l’Empoli: fallo di Krunic su Simeone (39′).

Nel finale proteste di Simeone per una gomitata di Bellusci in area di rigore, ma l’arbitro sorvola.

Ripresa che comincia senza cambi.

Al 49′ arriva il giallo per Bellusci per un gioco pericoloso su Veloso. Il Genoa ora si chiude e pressa meno i portatori di palla avversari.

I rossoblù comunque non rinunciano a giocare e dopo un lancio preciso di Edenilson per Laxalt, l’uruguaiano appoggia per Veloso, che ci prova dalla distanza: tiro centrale senza problemi per Skorupski (54′).

Al 60′ i giocatori in campo avrebbero potuto tornare in parità a causa di un intervento in ritardo di Saponara, che in scivolata atterra Laxalt lanciato sulla fascia, ma Pairetto tira fuori solo il giallo.

Quattro minuti dopo viene sprecata una delle poche occasioni in cui rossoblù hanno campo libero: Simeone avrebbe la possibilità di aprire il gioco sulle fasce e invece preferisce un rasoterra che si spegne sul fondo.

Martusciello gioca la carta Maccarone per Pucciarelli (68′) e Diousse per Büchel (71′).

Juric prova a inserire Ninkovic, dopo la buona prova di Bologna, al posto di Giovanni Simeone (73′). Proprio lui spreca tutto al 75′ dopo aver fatto tutto bene, ciabattando il sinistro e rendendo molto semplice l’intervento di Skorupski.

Il Genoa gestisce bene il possesso palla nella fase finale della partita, ma il gol non arriva, anzi arriva un’altra espulsione per Juric, una furia contro Pairetto, reo di aver fermato Ninkovic lanciato da solo verso la porta, per un presunto fallo su Bellusci. Il mister entra in campo e va minaccioso verso l’arbitro, è Veloso a fermarlo. Juric non attende neanche l’espulsione dell’arbitro e si accomoda all’uscita.

Arriva il momento di Munoz per Edenilson (84′) e di Fiamozzi per Laxalt (87′), mentre l’ultimo cambio per l’Empoli arriva subito dopo: Tello per Krunic.

Nel recupero altro giallo proprio per il neoentrato Tello. Fischio finale e ora tutti a pensare al derby.

Genoa-Empoli 0-0

Genoa: Perin, Izzo, Burdisso, Orban, Lazovic, Rincón, Veloso, Laxalt (87′ Fiamozzi), Rigoni, Simeone (73′ Ninkovic), Edenilson (84′ Munoz).

A disposizione: Lamanna, Zima, Cofie, Ntcham, Biraschi, Brivio, Raul.

Allenatore: Juric

Empoli: Skorupski, Veseli, Bellusci, Costa, Pasqual, Krunic (88′ Tello), Mauri, Büchel (71′ Diousse), Saponara, Pucciarelli (68′ Maccarone), Gilardino.

A disposizione: Pugliesi, Pelagotti, Laurini, Zambelli, Dimarco, Mchedlidze, Maiello, Cosic, Pereira.

Allenatore: Martusciello

Arbitro: Pairetto di Torino

Ammoniti: Lazovic (G); Krunic, Bellusci, Saponara, Tello (E)

Espulso: Lazovic al 34′

Spettatori: paganti 1348, incasso 34361, abbonati 18.041 quota gara 156.135

leggi anche
  • - 3
    Genoa, preparazione verso il derby: Ocampos ci sarà
  • Stracittadina
    Genoa, Preziosi: “Favoriti nel derby? La partita va giocata”