Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Migranti, Alternativa Tricolore: “Fondi per l’accoglienza? Destinateli ai terremotati”

“Riprende a Genova e il Liguria un nuovo flusso di migranti economici e presunti profughi per decisione del Ministro Alfano il quale continua a disconoscere la carta di Genova sottoscritta dai Governatori di Liguria, Lombardia e Veneto per porre un limite alle continue ondate di immigrazione selvaggia che il Governo Renzi definisce invece accoglienza diffusa e con notevole zelo democratico la Prefettura di Genova ha lanciato un bando per i Comuni del Levante ligure definiti poco virtuosi affinché si attengano alle disposizioni governative”.

A dirlo è la segreteria provinciale di Alternativa Tricolore che “ritiene la politica immigratoria di Renzi decisamente fallimentare che ripropone il fantasma della povertà sconfitta secoli fa e tesa allo scellerato disegno della sostituzione di popolo, una politica che sulla carta mostra un volto umanitario ma che in realtà non è altro che un grosso business per favorire economicamente ,con i soldi dei contribuenti, cooperative pubbliche e private, associazioni legate con doppio filo ai partiti della sinistra e strutture ecclesiastiche”.

“Alla follia renziana è necessario rispondere con fermezza e con una mobilitazione popolare per tutelare tutti i liguri e gli italiani che vivono nel disagio in seguito alla perdita dei posti di lavoro, tutti coloro che vivono con stipendi da fame grazie ai quali non arrivano neanche alla metà del mese,i pensionati a basso e medio reddito che non possono permettersi di sostenere le spese sanitarie, i precari, i nuovi poveri frutto della crisi economica senza precedenti, per cui Alternativa Tricolore fa appello ai Sindaci dei Comuni del Levante ligure di destinare i fondi per l’accoglienza ai terremotati italiani dimostrando con i fatti cosa sia la vera solidarietà senza interessi di parte e strumentalizzazioni politiche demagogiche che fanno del Governo Renzi una lobby anti-italiana al servizio degli apolidi di Bruxelles”.