Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Dal panino libero al dibattito sulla mensa scolastica biologica, Tursi assente foto

Più informazioni su

Genova. Mensa scolastica con prodotti biologici? Una realtà per alcuni, una chimera altri. E Genova sembra proprio fra i secondi. Il comune, nella fattispecie, perché invece in provincia alcune amministrazioni si sono già mosse con un bando ad hoc e oggi sono infatti presenti al dibattito sulla refezione biologica al Porto Antico, dal titolo “Mense scolastiche bio: le scelte delle istituzioni che sostengono il territorio”, nell’ambito di Biodomenica, la campagna di AIAB Liguria per promuovere il biologico regionale.

Presenti i rappresentanti dei sei Comuni che hanno promosso il bando per il cibo biologico nelle mense scolastiche del loro territorio: Busalla, Ceranesi, Valbrevenna, Sant’Olcese, Serra Riccò. Assente l’assessore del Comune di Genova, Pino Boero, tra gli invitati al dibattito. (anche l’anno scorso rinunciò a presenziare, sempre all’ultimo minuto).

E proprio martedì scorso il panino libero (la protesta dei genitori per il costo eccessivo di un servizio che peccava in qualità suggellata dalla sentenza di Torino e su cui si sta consumando il braccio di ferro con i dirigenti scolastici) è entrato in Aula Rossa sotto forma di doppia interrogazione alla volta di Boero.

L’assessore ha riferito in numeri: a Genova solo 100 famiglie hanno fatto richiesta di esonero al servizio mensa in favore del panino da casa. “Ultra minoranza”, si è detto. Oggi, però, poteva essere l’occasione per presenziare: il tema vero, al di là del panino libero, riguarda infatti il servizio mensa e la scelta delle istituzioni, che, come dimostrano i casi virtuosi della provincia, sa anche diventare sostegno al territorio.

Dal pubblico, non a caso, sul panino libero è arrivata anche la fatidica domanda. “La miglior risposta a questo problema è una mensa di qualità”.