Quantcast
Da marzo

Corso Europa, l’incrocio e le code. Dagnino: “Ora è sicuro, entro dieci giorni automatizzazione semafori”

Genova. “Per percorrere 150 metri in auto ho impiegato 8 minuti e mezzo, cronometrati”. E’ il consigliere comunale Francesco De Benedictis (Gruppo Misto) a lanciare il j’accuse alla giunta sul (nuovo) semaforo all’incrocio tra Corso Europa e via Isonzo. “A distanza di mesi è peggiorato tutto – ha sottolineato De Benedictis – le criticità continuano e creano code interminabili”.

L’assessore Anna Maria Dagnino ha invece sottolineato come l’intervento si sia reso necessario per mettere in sicurezza l’incrocio, tra i più pericolosi della città e con un alto numero di incidenti all’attivo. “E’ un incrocio complesso e ci abbiamo lavorato molto – ha risposto Dagnino – ma i risultati ci sono: i pedoni, ora, attraversano in sicurezza. C’è un aggravio di due minuti in quel tratto, è vero, ma stiamo operando per ridurlo e comunque per mettere in sicurezza un incrocio a mio avviso ci può stare”.

Diversi e numerosi gli interventi migliorativi nel corso degli ultimi mesi. “Ora però il 90 % dei problemi in via Timavo è stato risolto – ha sottolineato l’assessore – tanto che non c’è più il presidio fisso della Municipale. Recentemente, inoltre, c’è stato un cantiere importante di Mediterranea delle Acque che ha aggravato i problemi. Ma una volta chiuso il cantiere, anche le problematiche su via Isonzo sono quasi risolte, con la viabilità in uscita su due corsie e la fermata spostata”.

Ora non resta che affinare la centralizzazione del semaforo con gli altri in Corso Europa. “L’intervento di automatizzazione dei semafori avverrà in una decina di giorni – ha concluso Dagnino – poi si potrà calibrare e recuperare anche i due minuti di appesantimento”.

leggi anche
  • Genova
    Traffico in tilt con il nuovo semaforo di corso Europa, Dagnino: “Fase di assestamento, ci stiamo lavorando”
  • Da ricalibrare?
    Semaforo Corso Europa, la prova del nuovo: traffico in tilt dopo l’intervento