Quantcast
Seconda categoria d

Burlando: un poker per la prima fugarisultati

Quattro reti condannano la Don Bosco all'ultimo posto. Cà de Rissi pareggia con il Begato. Bene anche Mariscotti, Mele e Anpi Casassa. Ancora all'asciutto Olimpia e Campo Ligure

Terza giornata di campionato in seconda categoria girone D che inizia a dare i primi segnali di come si potrà delineare la stagione. Il Burlando è primo a punteggio pieno, grazie a un attacco che segna con un ritmo perfetto, 8 reti in tre partite e altre tre squadre in difficoltà.

I primi della classe si sbarazzano del Don Bosco con un chiaro 4-0 che consente loro di rimanere lassù da soli. Decisivi Incandela e Barbera autori di una doppietta ciascuno. Vantaggio che arriva alla mezz’ora del primo tempo. Poi la Don Bosco prova a rientrare, ma trova un’opposizione efficace da parte dei padroni di casa che raddoppiano, sempre con Incandela al 58°. Nel finale altri due gol negli ultimi dieci minuti siglati entrambi dal neoentrato Barbera, chiudono i conti.

Don Bosco ancora a zero punti.

Rallenta il Cà de Rissi che pareggia grazie al suo bomber Barbieri, che al 22° su rigore realizza la sua rete numero 50 con la maglia biancorossablù, replica alla punizione di Commissione che al 12° aveva portato in vantaggio gli ospiti. Brivido finale per gli ospiti con il Cà che al 95° colpisce con Moreno la traversa e palo nella stessa azione.

Torna a vincere il Mariscotti che con un 2-0 relega la Sarissolese all’ultimo posto ancora fermo a zero punti. Tutto, però si decide nel finale con la rete all’86° di Vinciguerra e il raddoppio all’88° di Simic su calcio di rigore. Vittoria che torna anche per il Mele che batte in casa il Campo Ligure. Vantaggio dei locali al 15° con Parodi che viene impattato pochi minuti dopo da Ferrari su rigore. Al 75° è un altro rigore che decide la partita, lo segna Reina che cinque minuti dopo, ne sbaglia un altro concesso dall’arbitro.

L’Anpi Casassa batte il Rossiglione 2-0 e si avvicina alla vetta. Anche qui tutto si decide nel finale con Parodi che trova il gol al 70°, e Abate che raddoppia all’87°. Rossiglione che rimane fermo a un punto. Prima vittoria invece per la Bolzanetese anch’essa raggiunta nel finale. Decisive le reti al 75° di Arvigo e all’88° di Fioretti.

Dopo la pausa forzata a causa del maltempo, il Masone torna in campo e vince contro l’Atletico Quarto con una partita intelligente e ben gestita. Vantaggio del Masone al 31° con De Gregorio con una gran bordata dal limite dell’area. Il raddoppio è di Morando che devia in porta una punizione di Salis al 54°. Poi Macciò salva i suoi parando un calcio di rigore a Perria al 78°. A nulla serve il gol di Seggi quattro minuti dopo. Battuta d’arresto per l’Atletico, mentre un buon risultato per il Masone, che ha una partita da recuperare.