Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Una Bargi straripante salva l’Amicizia Lagaccio. Primi tre punti per il Molassana risultati

Prima vittoria per il Molassana Boero, pareggio a reti bianche per il Ligorna. Una super Bargi salva l'Amicizia Lagaccio a Lucca

Seconda giornata di campionato in Serie B femminile con le tre genovesi chiamate a migliorare sensibilmente le prestazioni della scorsa settimana. Detto fatto, con due pareggi e una vittoria e un piccolo passo avanti dalla prima giornata da parte di tutte e tre le compagini.

Il Ligorna esordisce fra le mura amiche con un pareggio a reti bianche contro l’accreditata Empoli Ladies che ha provato a sfondare il bunker creato dalle biancoblù. Possesso palla ad appannaggio delle toscane, con le liguri che lavorano in contropiede sfruttando la media età molto giovane. Le empolesi ci provano, ma la tenuta difensiva delle genovesi è ottima e la porta rimane inviolata. Nella ripresa le ospiti rimangono anche in dieci, ma il Ligorna non sfrutta l’occasione e invece rimane chiuso nella propria metà campo rischiando anche qualcosa. Bene il risultato quindi alla fine, anche se con un po’ di personalità di cattiveria agonistica la partita avrebbe potuto avere un esito diverso.

Prima vittoria dell’anno per il Molassana Boero che riscatta la sconfitta della prima giornata battezzando nel migliore dei modi il proprio campo. Contro il Musiello le pantere prendono subito in mano la partita, senza rischiare a livello difensivo e costruendo in mezzo al campo. Ci provano Canepa e Zoppi, la prima di potenza cogliendo l’esterno della rete, la seconda di testa sfiorando la porta. Ci riesce invece Tortarolo che dopo uno scambio con la stessa Canepa al volo, conclude con una gran botta dal limite di esterno destro che si infila nell’angolino basso.

Le pantere sentono il sapore del sangue e provano a chiudere i conti, ma è sfortunata Fernandez quando conclude a rete dopo essersi portata a spasso mezza squadra avversaria. La sua conclusione colpisce il palo interno, attraversa lo specchio della porta, ma non entra.

Nel secondo tempo sono sempre le rossoazzurre a creare. Ancora Fernandez cerca gloria, ma la conclusione stavolta non centra la porta. Il Musiello sta tutto in alcuni contropiedi che portano a un palo colpito proprio nel finale. Sarebbe stata una beffa dopo una partita che, però a voler trovare una critica, il Molassana avrebbe potuto e dovuto chiudere prima.

Scoppiettante pareggio per l’Amicizia Lagaccio che con la Lucchese dà vita a una partita da infarto. Le genovesi hanno dominato per larga parte il primo tempo, ma un pasticcio di Ferrari in “collaborazione” con Pittavino, danno il la al vantaggio delle toscane. Le lagaccine, però sono in una di quelle giornate in cui non mollano un centimetro e ribattono colpo su colpo. Soprattutto quando c’è Caterina Bargi in giornata. La bomber biancoverdeblù trova una tripletta decisiva e si dimostra attaccante di razza, fondamentale sia dal lato tecnico, che da quello caratteriale.

Il pareggio 1-1 del primo tempo non rende merito alla grande mole di gioco realizzata dalle ragazze di Tony Napoli. Nella ripresa, però forse sottovalutando la tenuta delle avversarie, le genovesi vanno sotto e vengono travolte dalle lucchesi che trovano non solo il nuovo gol del vantaggio, ma addirittura calano il tris poco prima del 90°. Pare tutto finito, ma qui esce il valore di una giocatrice che avrebbe potuto fare la differenza anche in Serie A.

Bargi prima si procura e realizza il rigore del 3-2 con esperienza a astuzia, poi all’ultimo respiro realizza anche il secondo tiro dagli undici metri (entrambi netti), procurato dall’ottima Toomey entrata a un quarto d’ora dalla fine, ma estremamente in palla da subito. In una giornata da corrente alternata, la differenza la fanno elementi che non tradiscono mai, come Caterina Bargi, vera e propria donna-partita.

Nel prossimo turno ci vorrà tanta “garra”, come dice Diego Simeone, per le lagaccine, che attendono la formazione più in forma del campionato, ovvero la Novese capolista e finora schiacciasassi. Trasferta nell’alessandrino anche per il Molassana Boero che fa visita all’Alessandria, mentre il Ligorna dovrà cercare punti importanti col Musiello fanalino di coda.