Quantcast
Allerta terminata

Bargagli ancora senza elettricità, oggi la conta dei danni nel Levante. La linea ferroviaria resta chiusa tra Brignole e Recco fotogallery

Proseguono i lavori sulla linea, gravi danni all'alimentazione elettrica nei pressi della stazione di Nervi

Agg. ore 9.  Il Comune di Recco fa sapere che è stata riaperta, dopo la rimozione di tronchi e detriti, la via Aurelia tra Recco e Sori.

 

Genova. L’allerta è finita ma i numeri, non della pioggia ma del vento sono impressionanti: 180 km/h a Fontanafresca, 153 km/h a Bargagli, 144 km/h a Framura e 138 km/h a Casoni di Suvero le raffiche più intense che ieri hanno colpito il levante genovese in particolare a Bogliasco, Sori, Recco, Portofino, Rapallo e Lavagna, Uscio, Avegno, Bargagli dove le trombe d’aria hanno sradicato alberi di grosso fusto crollati su strade e binari, divelto tetti e persiane, provocato crolli di muri e piccole strutture. Dodici i feriti lievi, ricoverati in codice giallo negli ospedali cittadini.

A Bargagli a gran parte delle frazioni è ancora senza elettricità e le scuole restano chiuse. La ferrovia tra Genova e Sestri Levante resta chiusa per il ripristino dei binari invasi ieri da tronchi ed alberi. Questa notte è stato riaperto un primo tratto tra Recco e Sestri Levante, ma prosegue la chiusura per il ripristino di quello tra Recco e Brignole con bus sostitutivi.  I lavori di ripristino sono particolarmente complessi nella zona di Nervi dove ci sono gravi danni all’alimentazione elettrica dei treni. I treni a lunga percorrenza restano deviati per Voghera-Piacenza-Bologna-Firenze-Pisa con un incremento dei tempi di percorrenza di circa 2 ore e 30. Per informazioni su treni e orari i cittadini possono chiamare i numeri 0102744458 oppure 800098781.

Oggi il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti insieme all’assessore Giampedrone sarà a Recco dove farà il punto con i sindaci dei Comuni per la conta dei danni.

Dal punto di vista delle cumulate il massimo di giornata si è registrato a Cabanne di Rezzoaglio (Genova) con 89.6 millimetri, seguita dal Lago di Giacopiane (Genova) con 68.2. Quindi Cichero (San Colombano Certenoli, Genova) con 67 millimetri, Panesi (Cogorno, Genova) con 65.2, Genova Bavari con 61.7 e Cavi di Lavagna con 57.8. Nell’imperiese si segnalano i 56.2 millimetri in 24 ore di Verdeggia (Triora), nel savonese i 50 millimetri di Piampaludo (Sassello), nello spezzino i 58 millimetri di Taglieto (Varese Ligure).