Quantcast
Arrestato

Almeno cinque colpi per lo scippatore ciclista: tradito dal taglio di capelli

Strappava il telefonino dalle mani: è un 20 enne sospettato di altre rapine

Aveva destato molta preoccupazione nei quartieri centrali di Genova solo pochi giorni fa, nelle scorse ore è però stato arrestato. E’ finito così in manette lo scippatore di telefonini che si muoveva in bicicletta, tradito dal taglio di capelli (rasato ai lati e cresta al centro) e dalla borsa rossa che portava quasi sempre a tracolla.

E’ un cittadino marocchino di 20 anni, clandestino in Italia. E’ accusato del colpo avvenuto mercoledì scorso in via Mosso, davanti al pronto soccorso del San Martino, dove ha rapinato una dipendente dell’ospedale, ma anche di altre quattro rapine, compiute tutte allo stesso modo, a Caricamento, in via Montallegro, in corso Magenta e in via XX Settembre. Si sospetta però che abbia colpito anche in altre occasioni, per questo le indagini della Polizia proseguono.

Il ventenne è stato fermato da un poliziotto delle volanti che dopo avere visto un’immagine di un fotogramma del rapinatore in bici l’altra sera lo ha riconosciuto vedendolo salire su un autobus in piazza Martinez, nel quartiere di San Fruttuoso. Il marocchino è accusato di rapina aggravata perché una delle vittime nello scippo ha riportato una lesione alla mano.

leggi anche
  • Sempre in sella
    Genova, tre colpi in poche ore: è caccia allo scippatore ciclista
  • Provvidenziale
    Tentano di scippare anziana, carabiniere fuori servizio sventa il colpo
  • 25 giorni di prognosi
    Sestri Levante, anziana scippata finisce all’ospedale