Quantcast
Triste anniversario

Aggio, a due anni dall’alluvione per la famiglia Cannatà risarcimenti ancora bloccati

Storie di ordinaria burocrazia per la famiglia di Aggio la cui casa fu investita da una frana la notte del 9 ottobre 2014

Genova. Sono passati due anni dall’alluvione del 9 ottobre 2014. Ieri l’anniversario è passato quasi sotto silenzio ma c’è chi quei drammatici giorni non può dimenticarli perché ha perso un parente come è accaduto ai famigliari di Antonio Campanella, ha dovuto ripartire da zero con l’attività distrutta dalla furia dell’acqua o magari ha dovuto in fretta e furia abbandonare la propria abitazione.

Tra loro la famiglia Cannatà: Aurelia, Stefano e i loro due figli ci hanno messo un anno per poter rientrare nella loro casa di Aggio, ma la loro odissea è tutt’altro che finita. Prima la disperazione ma insieme la voglia di combattere raccogliendo fondi e nel contempo avviando (e vincendo) una battaglia legale contro la Città Metropolitana perché sarebbe stata proprio la mancanza di alcune opere idrauliche da parte della ex provincia a provocare il fiume che ha riversato una gigantesca frana sopra la loro casa.

Per un anno la famiglia ha ricevuto dal comune di Genova i canonici 600 euro per pagare un affitto, poi con le opere idrauliche eseguite a monte dell’abitazione dalla Città Metropolitana dopo la decisione del Tribunale di Genova e i lavori che i Cannatà hanno affidato a una ditta, è arrivato il giorno del rientro. Per pagare parzialmente tecnici e impresa Stefano e Aurelia hanno potuto contare su 8.500 euro arrivati come una tantum dalla Protezione civile ma soprattutto sulle loro forze e su quelle di chi li ha aiutati ad organizzare eventi di solidarietà.

“Finora abbiamo pagato 40 mila euro tra la ditta che sta eseguendo i lavori, l’ingegnere e i geologi – racconta Aurelia Lobosco – ma solo con la ditta abbiamo un debito di altri 40 mila euro e dobbiamo ringraziarli perché ci hanno consentito di rientrare in casa sapendo bene che tutti i soldi subito non potevamo averli”. Anche perché come molte altre famiglie alluvionate in quel drammatico autunno di due anni fa, i Cannatà hanno presentato regolare domanda di risarcimento, con tanto di regolari fatture sui lavori eseguiti e preventivi per un totale di circa 200 mila euro.

Circa un anno fa dagli uffici competenti della Regione Liguria era arrivato il via libera: i risarcimenti sembravano pronti ad arrivare, poi tutto si è improvvisamente fermato: “Ci è stato detto i questi mesi che il risarcimento sarebbe bloccato a Roma dal ministero dell’economia e delle finanze e senza il loro ok non possono procedere al pagamento nonostante le risorse ci siano. Ora non sappiamo come fare visto che abbiamo ancora la terra sopra la casa e più resta lì più i danni rischiano di aggravarsi”.

Ad agosto è stato pubblicato un ulteriore bando di risarcimento sul sito della Regione Liguria per chi è stato escluso dai precedenti bandi: “Volevamo tentare anche questa strada, ma ci è stato detto che visto che i nostri danni sono stati causati da una frana non possiamo accedere al bando”.

“Dobbiamo trovare il modo di finire i lavori – conclude amara Aurelia Lobosco ma senza questo aiuto economico non sappiamo come fare”.

leggi anche
  • Alluvione genova
    Alluvione Genova, per ‘Aggiohouse’ comincia la battaglia legale: grazie alla solidarietà raccolti 30 mila euro
  • Cronaca
    Alluvione Genova, “diamo un calcio alla frana”: al via l’asta benefica, le maglie dei big per aiutare Aggiohouse
  • Cronaca
    Alluvione Genova, la storia di ‘Aggiohouse’ tra burocrazia e soldi che non ci sono: “Fuori casa da 20 giorni, siamo stati abbandonati”
  • Il 1 maggio
    Aggiohouse, dopo il ritorno a casa è il momento di fare festa “per dire grazie a tutti quelli che ci hanno aiutato”