Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Villa Attilia, M5S: “Tutta l’aria di una speculazione edilizia”

Santa Margherita. “L’assordante silenzio dell’Amministrazione di Santa margherita Ligure sull’iter di approvazione di un PUC che sta prendendo le sembianze di una Torre di Babele e l’assoluta mancanza di informazioni su un eventuale nuova proposta della Santa Benessere SPA per il progetto del Porto hanno fatto pensare che l’immobilismo che caratterizza questi due anni di governo della città fosse pressoché totale anche in tema urbanistico, ma da qualche giorno a questa parte la città ha visto trapelare indiscrezioni e notizie attraverso Agenzie di stampa e Social Network relative ad una nuova e importante aggressione cementizia: l’operazione relativa a Villa Attilia”. Lo denuncia il Meetup 5 Stelle di Santa Margherita.

“Questa è caratterizzata dalla demolizione completa dell’unico edificio esistente e ricostruzione di 3 volumi maggiorati del massimo consentito dal piano casa (33%) rispetto all’originale; quanto sopra è stato ufficializzato da una Determina Dirigenziale avvallata da una successiva Delibera della Giunta attuale. Come Meetup 5 stelle Santa Margherita Ligure ci chiediamo se questo sia l’inizio di una speculazione che tende a massimizzare gli utili del costruttore privato a scapito degli interessi principali della collettività che coincidono con la tutela del nostro paesaggio”, si legge ancora nella nota.

“La contropartita – la costruzione di 10 alloggi riservati a residenti – ci appare altrettanto deleteria dal punto di vista dell’occupazione di suolo, non si capisce come nuove costruzioni per una popolazione in costante e vertiginosa diminuzione possano essere una soluzione; l’annoso problema della fuga dei residenti non si può certo liquidare con altro cemento in collina! Sorpresi da quanto sopra, chiediamo ancora una volta chiarezza e trasparenza e di non trattare temi importanti quali l’operazione “Villa Attilia” come semplici passaggi senza renderne conto in nessuna sede. Riteniamo sia finito il momento in cui le decisioni urbanistiche più importanti vengono prese al di sopra della testa dei cittadini”, termina il Meetup.