Quantcast
Sanità

Sestri Ponente difende il suo ospedale: continua la lotta per salvare il Micone

Sestri Ponente. Grande successo per il banchetto organizzato dal Comitato “Salviamo l’Ospedale P.A. Micone”. Sono state tantissime, infatti, le persone che ieri volevano firmare e i 1500 volantini sono spariti in un attimo.

Il prossimo appuntamento per fissato per giovedì 29, alle 17, presso il Municipio di via Sestri 34. Nel frattempo è anche possibile firmare la petizione online sulla piattaforma Change.org, indirizzata all’assessore alla Sanità della Regione Liguria Sonia Viale e all’ASL 3 Genovese.

“Ormai da anni – scrive il Comitato – stanno spogliando l’ospedale Micone di tutti i suoi reparti di emergenza, compreso il Pronto Soccorso divenuto Primo Intervento, togliendo un servizio sanitario efficace al territorio del ponente genovese. Chiediamo all’Assessorato alla Sanità di rivedere l’organizzazione della struttura. La sanità efficace ed efficiente è un diritto del cittadino”.

A metà agosto il reparto di Neurologia è stato trasferito al Villa Scassi mentre, tra alcuni mesi, dovrebbe seguirlo anche Otorino. La paura più grande degli abitanti, però, è quella di arrivare alla tanto temuta ulteriore sforbiciata all’ex pronto soccorso, ora aperto giorno e notte e che potrebbe chiudere dopo le 20, seguendo l’esempio del Gallino.

leggi anche
  • Neurologia e otorino
    Sestri Ponente, tagli e chiusure all’ospedale Micone: sale la protesta
  • Sestri Ponente, funerale simbolico per salvare l’ospedale Micone: “La salute dei cittadini non ha prezzo”
  • Sestri, funerale simbolico per l’ospedale: corteo fino al Micone, la sanità a ponente grida vendetta
  • Piano 2012
    L’ospedale Micone in consiglio regionale, Viale: “Otorinolaringoiatria resterà a Sestri”
  • I numeri
    Ospedale Sestri, aumentano accessi a Pronto Soccorso. Rete a Sinistra presenta progetto di razionalizzazione