Quantcast
Serie d

Sestri Levante cinico si aggiudica il derby contro lo Sporting Reccorisultati

Corsari brutti, ma efficaci si aggiudicano il derby. Male la Lavagnese punita dalla Massese. Bene il Ligorna che torna da Montecatini con un ottimo punto

Quarta giornata di campionato in Serie D, con il derby fra Sporting Recco e Sestri Levante che spiccava come match di giornata, per quanto concerne le genovesi.

Hanno prevalso gli ospiti di Salvalaggio che senza grossi sforzi hanno vinto 0-3 contro uno Sporting generoso, ma poco concreto sotto porta. Questo uno dei grossi problemi della squadra di Panizzo, che conta su una buona difesa, almeno fino ad oggi, ma su uno degli attacchi più sterili del campionato, con un gol in quattro partite.

Il primo tempo è di marca bianconera con Signorini che va più volte alla conclusione, ma senza impensierire più di tanto Dondero. Le occasini migliori arrivano su cross. La prima dopo pochi minuti di gioco è di Picasso che sfiora solo la sfera a porta vuota, su cross di Lazzoni dalla sinistra. L’altra, in chiusura di tempo è di Del Nero che impatta bene su corner, ma spedisce la palla di un soffio a lato. Gol sbagliato e gol subìto lo dice la legge del calcio. Così un disimpegno errato di Daniele Signorini si trasforma nella palla buona per Pane che dalla destra crossa basso per l’accorrente Oneto che calcia sotto misura per lo 0-1 proprio a pochi secondi dalla pausa.

Nella ripresa lo Sporting ci prova, colleziona calci d’angolo, ma non trova mai il varco. Esposito tenta due conclusioni che si rivelano velleitarie, e al 78° Buselli atterra un avversario in area, concedendo il rigore e ricevendo il secondo giallo. Dal dischetto l’esperto Boisfer batte Bellussi, che tocca la palla, ma non quanto basta per evitare la rete. É il colpo finale a uno Sporting senza idee e stanco, che abbassa il ritmo e non riesce più a pressare. Nel finale, ennesimo gol incassato in zona Cesarini dai bianconeri con Bondi che fa il gol più semplice del mondo appoggiando di testa un pallone arrivatogli dopo che la traversa aveva respinto il lob di Ianiello. Per il Sestri Levante un gioco certamente non bello, ma efficace, ed è quello che cercava Salvalaggio. Per lo Sporting Recco serve trovare una vena realizzativa là davanti.

La Lavagnese viene sconfitta in casa da una Massese ritrovata dopo la vittoria di sette giorni fa, proprio con i recchesi. Decisivo ancora Biasci per i toscani, che aveva siglato il gol partita all’ultimo secondo e firma anche qui la rete che ragala tre punti ai massesi.

La partita comunque è stata gradevole, con gli ospiti partiti subito forte. Al 4° Barsotti e al 10° Gavoci scaldano le mani a Gavellotti. Progressivamente la Lavagnese cresce e prende il controllo del gioco. Fonjock, Currarino e Troiano ci provano ripetutamente, ma spesso è la mira a difettare.

Al 31° il primo episodio importante, con Avellino che alleggerisce per il proprio portiere il quale sbaglia clamorosamente il controllo e regala così il gol agli avversari increduli.

La Lavagnese reagisce con veemenza e chiude gli avversari sulla trequarti. Passano così cinque minuti e Fonjock è pronto ad insaccare una respinta corta di Barsottini su calcio d’angolo di Tognoni. Si va al riposo quindi sull’1-1, ma al rientro in campo la Lavagnese pare trasformata, più paurosa di fronte alla Massese che avanza conquistando progressivamente campo.  Gavoci spara dal limite dell’area, ma trova la risposta pronta di Gavellotti. Remorini ci riprova, e al 59° Troiano è sfortunato su calcio di punizione a trovare il palo.

Da qui è la Massese a controllare. Biasci e Maccabruni ci provano, ma Gavellotti dice ancora no. Proprio Biasci viene servito ottimamente da Lessa al 70°. L’attaccante toscano calcia una sfera perfetta che si infila nell’angolino fulminando Gavellotti. É il gol decisivo, perché la Lavagnese, dopo tanto possesso e tanto pressing è esausta e si rassegna alla sconfitta.

Pareggia invece il Ligorna a Montecatini. Un risultato che può star bene a Sabatini soprattutto perché arrivato contro una squadra in gran forma e con una prestazione di livello. La prima parte della gara è contraddistinta per una lunga fase di studio, intervallata da alcuni sprazzi biancoblù. La prima, nitida è il palo di Chiarabini che dal limite dell’area calcia una bordata che fa tremare la porta di Biggeri. Poco dopo Napello trova il gol, ma l’arbitro  annulla per fuorigioco.

Si va al secondo tempo con i toscani non pervenuti, cosa che prosegue anche per almento venti minuti della ripresa. Vassallo, appena entrato si fa ipnotizzare da Biggeri nell’uno contro uno e spreca un’occasione potenzialmente letale. In realtà le due squadre appaiono accontentarsi, con il Montecatini non pervenuto in attacco e il Ligorna che si rassegna al pari, evitando anche di poter subire un’eventuale gol nel finale.

La classifica vede un balzo in avanti del Sestri Levante, salito a 7 punti, segue il Ligorna a 5, la Lavagnese con 4 e lo Sporting Recco, ancora fermo a 2.

Nel prossimo turno sarà proprio il Sestri Levante ad ospitare il Montecatini, mentre lo Sporting Recco andrà a Viareggio. Trasferta anche per la Lavagnese a Ponsacco, mentre il Ligorna ospita il Gavorrano.