Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rupinaro: 9 milioni di euro per rifare 5 ponti e mettere in sicurezza gli argini foto

Il Comune di Chiavari ha una progettualità importante e chiede fondi alla Regione

Chiavari. Nuovi interventi contro il rischio idrogeologico a Chiavari. Il sindaco Roberto Levaggi ha infatti incontrato ieri l’assessore regionale alla Protezione Civile e difesa del suolo Giacomo Giampedrone e con lui ha discusso circa i progetti di messa in sicurezza del Rupinaro.

Chiavari inoltrerà entro la fine dell’anno la richiesta, attraverso la Regione, ai fondi Europei Por Fesr per vedersi finanziata parte del primo lotto dei lavori, che verrà poi rimpinguata dallo stesso ente comunale, col 30% circa, grazie ai fondi già accantonati, essendo Chiavari un comune virtuoso.

In totale si tratta di nove milioni di euro complessivi (sei dai fondi Por Fesr e tre dall’amministrazione comunale) e serviranno per il rifacimento di ben cinque ponti (Sanpierdicanne, via Colonnello Franceschi, viale Tappani, corso Italia e ferrovia) e per la messa in sicurezza degli argini dalla piena trentennale.

“Noi sindaci dobbiamo fare tutto il possibile per fare in modo che il territorio sia in sicurezza al momento dell’arrivo delle forti piogge, tenendo conto che gran parte della popolazione di Chiavari è in zona rossa, vicino ai fiumi Entella o Rupinaro”, ha dichiarato il primo cittadino.

Importanti interventi sono previsti anche sull’Entella. “Noi abbiamo stanziato circa 500 mila euro per recuperare i vecchi argini, stanno finendo le progettazioni definitive e nei prossimi mesi partiranno i lavori – dichiara l’assessore Giampedrone – Per quanto riguarda il Rupinaro l’amministrazione chiavarese ha una progettazione importante e vorrebbe poter avere accesso ai fondi che abbiamo bandito per la messa in sicurezza dei centri abitati. Per la Regione il Rupinaro è uno dei rii più importanti per pericolosità di tutta la Liguria e quindi vogliamo assolutamente aiutare il Comune”.