Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Olimpiadi, Recco premia la campionessa Roberta Bianconi

Recco. Oltre 100 persone – ieri pomeriggio alla Manuelina – per festeggiare Roberta Bianconi, medaglia d’argento a Rio e miglior giocatrice al mondo per l’anno 2015. “Un grande grazie dal cuore a tutta l’Amministrazione comunale – la campionessa recchelina sorride dall’emozione – Vincere una medaglia significa aver ripagaro tutti i sacrifici fatti. Avevo paura di non vincere un così grande riconoscimento come la medaglia olimpica, esserci ruscita significa tanto. Ringrazio la mia Città, portare il nome di Recco nel mondo, per me, è un onore; ricevere tutti questi riconoscimenti e toccare con mano l’affetto da parte del Comune e delle persone che mi conoscono da quando sono bambina è davvero unico. Grazie ancora”.

Presenti alla conferenza stampa, insieme al Sindaco Dario Capurro e all’assesore allo Sport Gian Luca Buccilli, anche il presidente onorario Fin Lorenzo Ravina e Pino Raiola per il Coni.

Saluti istituzionali, applausi scroscianti e tanti sorrisi per rendere omaggio a colei che “rappresenta l’orgoglio di tutta Recco – sottolinea il Sindaco di Recco Dario Capurro – Abbiamo festeggiato una grande atleta. Con Roberta si conferma una fantastica tradizione sportiva di cui la nostra Città è testimonial da tanti anni. Recco è la città più medagliata d’Italia, ci sono sportivi chi qui sono nati, vivono ogni giorno le nostre tradizioni e le nostre vie. Sono davvero molti i campioni olimpici che abbiamo visto allenarsi a due passi da casa”.

Una collana d’argento con i cinque cerchi a fare da ciondolo e un bracciale con un numero 8, quello della calottina di Roberta Bianconi. Sono questi i riconoscimenti che tutta l’Amministrazione comunale ha voluto donare alla campionessa olimpica.

“Questa festa rappresenta in maniera piena quel dato di soddisfazione, gratitudine e di affetto verso questa atleta – spiega l’assessore allo Sport e vice Sindaco Gian Luca Buccilli – E’ un modo per continuare sottolineare quanto questa terra detenga il primato non solo nella pallanuoto ma nello sport in generale. I tecnici, i dirigenti e gli atleti di tutte le società sul nostro territorio lavorano sodo e i risultati si vedono”.

La medaglia d’argento a fare da filo conduttore, davanti a essa tanti campioni come il vice presidente della Pro Recco Waterpolo 1913 Eraldo Pizzo, Luigino Castagnola, Alberto Alberani e il capitano del primo scudetto della Pro Lino Maraschi. Con loro – visibilmente commosso – papà Renato Bianconi.

(Foto di Andrea Malacrida)