Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Mumolo e Bellio portano in alto il nome del canottaggio genovese

Grande prova per entrambi che sfiorano l'impresa e chiudono al secondo posto. Delusione per Federico Garibaldi che perde il podio a pochi metri dal traguardo

Grande exploit dei vogatori genovesi ai Mondiali Juniores disputatisi a Poznan, in Polonia. Davide Mumolo e Benedetta Bellio hanno conquistato due medaglie d’argento nel 4 senza, piazzandosi rispettivamente dietro a Gran Bretagna e Germania. I due atleti genovesi, appartenenti all’Elpis Genova e alla Sportiva Murcarolo, hanno mostrato una condizione fisica importante, risultata decisiva nello sprint finale per ottenere questo prestigioso podio.

Per Mumolo e i compagni di squadra (Luca Lovisolo, Stefano Morganti e Jacopo Mancini) la partenza è più lenta del previsto e il loro imbarco è terzo ai 500 metri, mentre i britannici scappano subito: per gli altri resta solo la lotta per l’argento. Gli azzurri restano dietro i padroni di casa della Polonia fino ai 1500 metri quando scatta l’attacco impressionante, perché gli italiani non solo superano i polacchi, ma arrivano a soli 63” dalla Gran Bretagna.

Anche nella gara femminile i vincitori partono forte subito. Così fanno le teutoniche, seguite da Gran Bretagna e Italia. Qui, però l’imbarco azzurro, formato oltre che da Benedetta Bellio anche da Kiri Edwina English-Hawke, Stefania Gobbi e Cecilia Bellati, soffre maggiormente e rimane attardata dalle canadesi, terze.  Poi ai 1500 metri l’inversione di tendenza col sorpasso alle nordamericane e una rimonta incredibile anche sulle britanniche che devono cedere il passo alle azzurre.

Deluso invece Federico Garibaldi, dell’Elpis, che chiude al quarto posto, appena poco sotto le posizioni che “contano” nel singolo. La sua gara è diametralmente a quella degli altri due imbarchi azzurri suddetti. Partenza sprint con la Repubblica Ceca, ma sulla distanza mancano le forze al vogatore genovese che si vede superare da Germania e Polonia. Alla fine è un quarto posto che un po’ brucia, ma che rimane un ottimo piazzamento.