Aveto

Liguria, un progetto di legge per il santuario dei cavalli selvaggi dell’Aveto

Liguria. Proteggere i cavalli selvaggi della Val d’Aveto. E’ questo lo scopo del progetto di legge redatto dal consigliere regionale di Rete a Sinistra Giovanni Pastorino, approdato in Commissione.

“E’ un esempio unico in Italia – ha spiegato Pastorino che per i cavalli selvaggi dell’Aveto pensa a un santuario – Si tratta dell’unico branco di cavalli selvaggi non gestiti. Vogliamo costruire un percorso di conoscenza e promozione turistica intorno a un fenomeno che sta suscitando un interesse internazionale e nello stesso tempo trovare soluzione insieme alla popolazione a valle che può essere danneggiata dalla presenza di questi animali”.

La naturalista genovese Evelina Isola che da tempo studia il branco libero in natura da 20 anni ha aggiunto che “in Italia c’è un vuoto legislativo da colmare perché per legge il cavallo è ritenuto un animale domestico, per questo abbiamo scelto l’aggettivo selvaggio e non inselvatichito o selvatico”.

Il progetto del Santuario con un fondo regionale di 100 mila euro permetterebbe un monitoraggio accurato: oggi sono stati contati circa 45 capi su un’area di 25 chilometri quadrati tra valle Stura e valle Penna e del lago Giacopiane. Una parte del fondo verrebbe devoluto ai comuni per i danni arrecati ai contadini. La scorsa amministrazione aveva speso 70 mila euro cinque anni fa per la cattura di 20 cavalli che poi morirono in cattività.