Regione

Ericsson, Berrino: “Uniti con i lavoratori: Governo agisci”

Genova. “Sono solidale con i lavoratori di Ericsson scesi in piazza a Genova per protestare contro i licenziamenti annunciati dall’azienda e mi unisco alla richiesta, per altro già più volte avanzata come Regione Liguria, di convocazione, da parte del governo, di un tavolo nazionale per fare un duro pressing sui vertici dell’azienda. Il governo deve agire. Le Regioni coinvolte nella vertenza non possono essere lasciate sole a tutelare, con i loro soli strumenti di competenza, centinaia di posti di lavoro e di professionalità di alto livello, strategiche per lo sviluppo dei singoli territori e dell’intero Paese”.

Lo dichiara l’assessore regionale al Lavoro Gianni Berrino che si associa al richiamo dei lavoratori: ‘Ericsson licenzia, governo agisci’.

“Oggi in piazza – aggiunge Berrino – c’erano anche deputati che sostengono il governo Renzi: speriamo significhi che anche il Pd ha finalmente compreso quel che diciamo da mesi: la vertenza deve essere posta e affrontata a livello nazionale se non vogliamo perdere la partita”. L’assessore Berrino, che lunedì alle 11 sarà a Roma per partecipare al tavolo ministeriale su Ericsson, esprime preoccupazione anche su Tirreno Power. “Sono 186 posti di lavoro che per una provincia come Savona, che negli ultimi anni ha subito una forte contrazione occupazionale, significano molto, anche per l’indotto. Anche su questa vertenza – conclude – è indispensabile che arrivi un segnale forte del governo, dopo la richiesta inviata dalla Regione di richiesta di riconoscimento di area di crisi industriale complessa”.

leggi anche
  • Mini corteo
    Ericsson, i lavoratori tornano in piazza: “Ci licenziano, Governo agisci”
  • Corsa contro il tempo
    Ericsson, Berrino: “Governo intervenga per scongiurare licenziamenti”