E per natale..

De Ferrari, la controproposta di Toti: “Mettere subito anche la pubblicità di promozione turistica”

Genova. Non è ancora arrivata a un dunque la guerra della pubblicità sui ponteggi del palazzo della Regione Liguria, in piazza De Ferrari. Il braccio di ferro tra Unipol, proprietaria dell’immobile, e il governatore Giovanni Toti potrebbe però decidersi nel corso di un ultimo confronto, che potrebbe tenersi già domani. E’ il nuovo retroscena svelato dall’agenzia Dire.

Da una parte il Governatore ne avrebbe chiesto l’immediata rimozione, dall’altra la proprietà che ieri avrebbe comunicato l’impossibilità di disdettare gli accordi pubblicitari e quindi rimuovere la pubblicià prima di un mese.

Perciò Unipol, secondo quanto riferisce la Dire, avrebbe proposto al presidente della Regione di installare successivamente un nuovo cartellone pubblicitario, questa volta di promozione del territorio ligure.

“Se proprio non potete toglierla, almeno mettiamo subito anche la pubblicità istituzionale di promozione del territorio” sarebbe stata la controproposta di Toti. Difficile che il Comune di Genova, questa volta, si possa opporre perché, anche la pubblicità promossa dalla Regione sarebbe di natura statica e quindi non andrebbe contro il codice della strada che vieterebbe immagini in movimento per non distrarre chi è alla guida.

La Dire svela poi un altro capitolo della “guerra”, a colpi di marketing, tra Comune e Regione. Pare che lo stesso Toti, avendo saputo della volontà di Palazzo Tursi di “appropriarsi” dello spettacolo pirotecnico natalizio con i fuochi d’artificio che non sarebbero più sparati dal tetto del palazzo della Regione bensì dal Teatro Carlo Felice, avrebbe chiesto una netta accelerata ai lavori di riqualificazione della facciata della sede di piazza De Ferrari così da poter togliere i ponteggi in tempo per continuare a offrire lo spettacolo benaugurale dalla sua storica sede.

leggi anche
  • Il retroscena
    La maxi pubblicità sulla facciata di De Ferrari? Un errore nella “guerra fredda” tra Tursi e la Regione
  • Gli interrogativi
    Maxi pubblicità a De Ferrari, il Comune tace. E la casa produttrice ritira il prodotto
  • Polemica
    La Regione diventa “cartellone pubblicitario”. L’ente diffida, ma chi ha dato il permesso?