Fine del viaggio

Concluso l’ultimo viaggio della Concordia, ora la demolizione finale

Assicurata in cantiere e posizionata sulle tacche

Genova. Si sono concluse alle 18 le operazioni di messa in sicurezza del relitto della concordia che, dopo 9 ore dall’inizio delle manovre, risulta essere “assicurata in cantiere è posizionata sulle tacche”.

La notizia arriva da fonti di Autorità portuale di Genova. Al termine delle operazioni l’Ammiraglio Giovanni Pettorino, comandante della capitaneria di Porto, ha voluto fare un plauso all’intera comunità portuale genovese, alla Protezione civile, ai servizi tecnico nautico del porto e a tutte le forze coinvolte.

“L’operazione era stata studiata nei minimi dettagli, avevamo cercato un assetto che ci permettesse di entrare con minori difficoltà. Abbiamo cercato di proteggere i bordi del bacino perché avevamo ingombri massimi e spazi a disposizione molto limitati, 40 centimetri ai due lati e sotto la chiglia, ma tutto è stato più rapido del previsto”. Ha detto il capo pilota John Gatti.

Ora inizieranno le operazioni per la demolizione finale. Le 114 mila tonnellate di stazza della nave saranno definitivamente smantellate, l’82% dei materiali riciclati, per poter mettere la parola fine ad una parabola tragica, costata la vita a 32 persone, ma che nel bene e nel male ha fatto la storia della marineria.

leggi anche
  • Manca poco
    L’ultimo viaggio della Concordia, il capo pilota: “Siamo andati più veloci del previsto”
  • Manovra difficile
    L’ultimo viaggio della Concordia, Pettorino: “Un lavoro di grande eccellenza”
  • La demolizione
    Ultimo viaggio, la Concordia entra nel bacino un metro al minuto
  • Anteprima a genova
    Port Crash, il primo studio di urti e collisioni: 470 scontri in cinque anni