Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Vesima, di nuovo chiusa la spiaggia per cani: “I cavilli burocratici non ci fermeranno”

Attualmente, a causa della frana, è chiuso anche l'arenile di Arenzano per gli amici a quattro zampe

Vesima. Un tratto di litorale dedicato agli amici a quattro zampe, dove possono correre liberi, senza guinzaglio e fare il bagno in tutta tranquillità. E’ la spiaggia per cani di Vesima, inaugurata circa 10 anni fa e da allora punto di riferimento non solo per i genovesi, ma anche per molti villeggianti provenienti da fuori regione.

La storia di questo lido è travagliata, ma l’ennesima scure vi si è abbattuta il 30 luglio, quando tutti i bagnanti presenti e i loro cani sono stati allontanati dalla Capitaneria di Porto. “Hanno detto che mancavano i permessi”, dichiara Raffaele Tarantini, che già in passato si è battuto per la salvaguardia dell’arenile e ha anche creato la pagina Facebook “Spiaggia per Cani Vesima”.

“Purtroppo già in passato sono capitati episodi molto spiacevoli – prosegue – alla sua nascita il lido era ben attrezzato, sembrava un paradiso, ma pian piano sono venute meno le attrezzature, fino a quando, nel 2008, non è più stato aperto”.

Da lì è incominciata la battaglia di Tarantini, nato e cresciuto a Vesima, che con l’aiuto dell’associazione Aida ha dato il via a volantinaggi e tantissime altre iniziative per riportare alla vita l’arenile. “In quel caso il Comune aveva deciso di chiudere perché mancavano le risorse necessarie per costruire una scala, ma dopo circa due mesi e grazie alla nostra lotta, la scala è arrivata e la spiaggia è stata riaperta”.

Ora sembra di essere tornati all’incubo quel periodo. “Stiamo inviando decine di mail alle associazione e al Comune e alcuni di noi si sono anche recati a Tursi, presso il reparto competente, per chiedere spiegazioni – racconta ancora Tarantini – ci è stato detto che i permessi ci sono, ma allora non si capisce quale sia il cavillo burocratico che ha portato alla chiusura”.

Il mese di agosto è iniziato e quindi la speranza è che le risposte arrivino presto e soprattutto si trovi una risoluzione al problema. “Non ci lasceremo bloccare da cavilli burocratici perché chi ha i cani ha il diritto di poterli portare a nuotare in estate, tanto più che la spiaggia è sempre stata pulita con cura e non ci sono mai stati problemi di nessun genere”, conclude.

A tutto questo va ad aggiungersi un altro grave inconveniente, cioè l’arenile per cani di Arenzano, chiuso a sua volta per via della frana.