Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il terrorismo e le lunghe code per le vacanze, odissea per salpare da Genova fotogallery

Intensificati i controlli e la circolazione va subito in tilt

Genova. Salpare, alla ricerca dell’agognato riposo agostano. Riempi l’auto e poi via, alla volta di uno spicchio di paradiso. Sulla tua strada, però, trovi l’intoppo dei controlli anti terrorismo e la partenza assomiglia più ad un girone dantesco. Lo sanno bene gli automobilisti incolonnati in queste ore nel porto di Genova, lo capiranno quelli che partiranno nelle prossime ore.

terminal traghetti controlli anti terrorismo

Sono settanta-ottanta mila i passeggeri attesi tra questa sera e domenica. In concomitanza ecco i controlli intensificati dopo l’innalzamento del livello di allerta da parte del Governo sul rischio terrorismo dove i porti, insieme agli aeroporti, sono considerati obiettivi sensibili. E così dopo le code di ieri sera, la situazione per questo week end è destinata a peggiorare.

Questa mattina per il secondo giorno consecutivo si è riunito il comitato portuale per l’ordine e la sicurezza pubblica proprio sulla questione degli imbarchi. “L’obiettivo – spiega il prefetto Fiamma Spena – è quello di raccordare il lavoro delle forze dell’ordine creando una cornice di sicurezza ma tentando al contempo di ridurre i disagi. Il porto è una parte rilevante della città per cui è importante che le decisioni vengano prese congiuntamente”. Alla riunione infatti hanno partecipato, Capitaneria di porto, carabinieri, guardia di finanza, polizia stradale, polizia di frontiera, vigili urbani e Comune di Genova.

“Questa mattina la situazione era tranquilla – spiega il comandante del porto di Genova Pettorino – ma tra stasera domani e dopodomani ci aspettiamo un afflusso molto intenso. Il consiglio è quello di partire in anticipo per far fronte ad eventuali code dovute alle identificazioni previste dalla direttiva centrale”.